Home / Attualità / Corigliano, comune sprovvisto di un piano boschivo

Corigliano, comune sprovvisto di un piano boschivo

coriglianoI componenti l’associazione di protezione civile di Corigliano, Le Aquile, denunciano il disinteresse e la disinformazione che gli uffici comunali preposti avrebbero riguardo il piano di assestamento boschivo. “La prima normativa italiana in merito – si legge in una nota delle Aquile – è contemplata nell’art. 130 della legge 30.12.1923, n. 3267, tuttora in vigore. Il quale prescrive che i boschi di proprietà comunale e di altri enti pubblici, devono essere utilizzati in conformità ad un piano di assestamento boschivo. Il piano viene elaborato da un tecnico o da un equipe di tecnici forestali (dottori forestali). Dietro incarico del comune che lo approva con delibera del consiglio comunale.

CORIGLIANO, GLI UFFICI NON HANNO CONTEZZA DELLA SUPERFICIE BOSCHIVA DI PROPRIETA’ COMUNALE

Nel nostro caso – ed è qui la denuncia dell’associazione – il comune di Corigliano, non solo non ha mai redatto un piano di assestamento boschivo, Mentre quello di Rossano è già pronto ed operativo. Gli uffici competenti non hanno nemmeno contezza della superficie boschiva di proprietà comunale. Come se in casa mia non sapessi dove si trova il bagno o la cucina. Insomma, un vero disastro. Sulla base del parametro forestale, si potrebbe impiegare un lavoratore ogni 10 ettari. E quindi nel nostro comune, in proporzione alla superficie, per mille ettari di bosco demaniale si possono assumere 100 disoccupati tra operai e potatori. Ma anche geometri, muratori, guardiani e guide turistiche.

Inoltre la manutenzione del bosco comporta anche la prevenzione degli incendi. Di conseguenza un notevole risparmio dovuto al ridotto impiego degli aerei canadair. Il che significa curare l’assetto idrogeologico per prevenire le alluvioni e le frane mediante la pulizia dei torrenti e dei canali di scolo, in un ottica di risanamento generale del territorio. Ed infine ci sarebbe anche un guadagno netto per il comune, derivante dalla vendita della biomassa legnosa secca”.

Fonte: La Provincia di Cosenza

Commenta

commenti