Home / Attualità / Corigliano Rossano: tra un anno si vota, ma chi si candiderà a Sindaco?

Corigliano Rossano: tra un anno si vota, ma chi si candiderà a Sindaco?

di SERAFINO CARUSO

Chi saranno i candidati a Sindaco per le prime e storiche elezioni del nuovo Comune di Corigliano Rossano? Al momento tutto tace, o quasi. Troppo presto non è, in quanto è molto probabile che ci si possa recare alle urne tra maggio e giugno del 2019. Tenendo conto che siamo in piena estate e che tra una cosa e l’altra si arriva a fine anno, si capisce bene come, seppur non ci sia nulla di ufficiale, dietro le quinte qualcosa si stia già muovendo. I candidati a Sindaco per la guida del grande Comune di Corigliano Rossano potrebbero essere tanti. Se si pensa che alle ultime amministrative di Rossano ne abbiamo registrato bene sette, c’è da aspettarsi, come minimo, almeno una decina di candidati a Primo cittadino.

TANTI I NOMI DEI POSSIBILI CANDIDATI A SINDACO

La curiosità dei cittadini, però, non è tanto sulla quantità, bensì sui nomi. Chi saranno, dunque, i candidati a Sindaco? Possiamo provare a stilare una rosa di possibili candidati, puramente indicativa e senza alcuna pretesa di corrispondenza a una seppur minima parvenza di verosimiglianza. Ad ogni modo la città, forse è anche superfluo ribadirlo, avrà bisogno di persone capaci, preparate, specializzate in determinati settori, oneste, dinamiche e, soprattutto, di ampie e larghe vedute. I primi cinque anni di consiliatura e sindacatura saranno certamente i più duri da affrontare. L’esperienza è una variabile importante, ma ciò non significa che chi si affaccia per la prima volta verso un’esperienza simile sia da scartare a priori. I nomi, dicevamo. Proviamo a fare una sorta di toto-candidati, ripetiamo, giusto per iniziare a stuzzicare e alimentare il dibattito politico. Tra i  papabili ci potrebbero essere i due ultimi ex Sindaci di Rossano e Corigliano, Stefano Mascaro e Giuseppe Geraci. Il primo ha governato soltanto due anni e potrebbe giustamente ambire a ricandidarsi. Il secondo a fine dicembre disse pubblicamente che non intendeva candidarsi alle future amministrative. Ma in politica, si sa, tutto può cambiare nel giro di una notte, figuriamoci in un anno. Altri nomi papabili che si sussurrano nell’ambiente politico sono quelli di Geppino Caputo, Ernesto Rapani, Gino Promenzio, Aldo Algieri, Flavio Stasi, Titti Scorza, Rosellina Madeo, Giuseppe Antoniotti, Tonino Caracciolo, Ranieri Filippelli, Giovanni Dima, Aldo Zagarese.

Caputo, che è stato ospite negli studi televisivi de L’Eco dello Jonio, ha detto chiaramente di essere intenzionato a mettersi ancora una volta al servizio della città “in qualsiasi ruolo”. Mascaro, anche lui ospite nei nostri studi, ha detto che la politica deve svolgere un ruolo fondamentale e arrivare pronta, facendo largo alle forze migliori della nuova città, all’appuntamento elettorale. La sua candidatura appare scontata. Man mano, settimanalmente, intervisteremo anche gli altri possibili candidati a Sindaco. Certo, tra i nomi fatti ce ne sono alcuni che risaltano un po’ di più, altri un po’ meno. Ma sono tutti nominativi spendibili. Non sono escluse nuove entrate che potrebbero venire fuori dal mondo della società civile e dell’imprenditoria.

Commenta

commenti