Home / Attualità / Corigliano Rossano: ripartire da ciò che abbiamo, ma si cambi mentalità!

Corigliano Rossano: ripartire da ciò che abbiamo, ma si cambi mentalità!

L’area della Sibaritide: mare, montagna e centri storici

LA RIFLESSIONE
a cura di SERAFINO CARUSO

Perché Corigliano Rossano, questa nuova grande città che ci apprestiamo a costruire (non senza fatica), non può e non deve pensare in grande? Perché continuare ad avere una mentalità chiusa, compressa, priva di slancio? Se ci pensiamo bene un attimo, questo territorio, questo bellissimo territorio compreso tra il mare Jonio e la Sila, non è mai decollato forse proprio a causa di una mentalità per nulla incline a pensare un po’ in grande in qualsiasi settore. A livello politico da sempre subordinati ai comandi delle segreterie provinciali e regionali, a livello sportivo, e in particolar modo calcistico, divisi in tante squadre in campionati minori, a livello imprenditoriale il sistema cooperativistico che ha fatto la fortuna di Regioni come Emilia Romagna e Trentino Alto Adige quì da noi non è mai decollato. Anzi, forse neppure è stato mai pensato. Eppure non mancano imprese e imprenditori seri ed onesti, non mancano le materie prime, come ad esempio l’olio e le clementine, “l’oro rosso” di Calabria. Abbiamo, a tal proposito, ettari ed ettari dedicati alla coltivazione di questi prodotti, ma siamo troppo divisi, troppo disparati, poco inclini a creare un vero consorzio. A dire il vero qualcosa si muove per la produzione dell’olio, ma per il resto siamo ancora fermi all’anno zero. Con grande rammarico, perché non mancano le potenzialità. Non mancano e non sono mai mancate, ad esempio, in ambito sportivo, squadre di calcio e volley. Nel calcio anni fa, abbiamo avuto esempi di squadre sia a Corigliano che a Rossano, in Serie D quando questa era una categoria ben qualificata. O nel volley, con Corigliano arrivata in Serie A1. I progetti poi muoiono perché manca lo spirito cooperativistico e di socialità. Adesso però, rispetto a prima, mancano anche un bel po’ di soldi da poter investire.

RIPARTIRE DA CIO’ CHE ABBIAMO, MA BISOGNA AGIRE IN SINERGIA IN TUTTI I SETTORI

Cosa fare, quindi? Da dove ripartire? Beh, innanzitutto bisognerebbe fare un’analisi di quello che siamo oggi, vale a dire una grande città calabrese, seppur ancora da formare e plasmare in maniera omogenea e costruttiva. Bisogna tracciare una sorta di bilancio: le cose positive da una parte e quelle che non lo sono dall’altra. Proprio come si fa a livello finanziario. Un rendiconto consuntivo e un bilancio di previsione a breve e medio-lungo termine. L’egregio lavoro che sta facendo il Commissario Prefettizio Domenico Bagnato con la sua squadra di sub Commissari Greco, Lizzano e Giordano, insieme a lavoro di dirigenti, funzionari e dipendenti comunali dei due Municipi di Corigliano e Rossano è il punto di partenza per arrivare ad altro. Da rimarcare anche l’impegno dei cittadini con i comitati civici e il mondo dell’associazionismo nel cercare di dare una mano alla squadra commissariale in questo non facile compito di unificazione e costruzione della grande città. Serve però, accanto a tutto questo bel lavoro, un cambio di passo e di mentalità della cittadinanza tutta. La famosa “cittadinanza attiva” sempre tanto sbandierata, ma poche volte attuata. Dal mondo della scuola a quello dell’imprenditoria, dalle famiglie ai sindacati, dalla vasta rete commerciale e artigianale a quella, perché no, del mondo del giornalismo stesso. Ognuno deve fare la sua parte.

PUNTARE AL MASSIMO, SENZA ACCONTENTARSI DI FARE IL PROPRIO COMPITINO

Quindi una mentalità nuova: aperta al confronto, alla collaborazione, alla fattività. Basta con le chiacchiere da bar o da social: adesso serve concretezza, serve impegno, serve saper pensare anche in grande. Non limitarsi, quindi, all’aspettativa della “sufficienza”. Dobbiamo puntare al “110 e Lode”! Perché altre realtà riescono a pensare e riuscire ad arrivare in alto e noi, invece, non riusciamo a guardare oltre il nostro naso? E’ questo, oltre a tanto altro, che deve cambiare: la nostra mentalità.

Commenta

commenti