Home / Attualità / Corigliano Rossano: «La gente vuole sapere, la Lega vuole capire»  

Corigliano Rossano: «La gente vuole sapere, la Lega vuole capire»  

 

È notizia di oggi l’aggiudicazione della gara di partecipazione per i lavori nella SP 195 di Insiti. A tal proposito è intervenuta la Lega di Corigliano Rossano a nome del Coordinatore dello ionio cosentino Paolo Maria Lamenza: «L’assessore Novello, con lo sguardo da diva del cinema anni 20, annuncia che finalmente il 20 maggio sono stati approvati i verbali di gara per l’aggiudicazione dei servizi tecnici di “progettazione, direzione Lavori, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione sopra soglia comunitaria sulla base del progetto di fattibilità tecnica ed economica (progetto preliminare) nonché rilievi e indagini geologiche per la realizzazione dei “Lavori di miglioramento della ex SP 195 – Loc. Insiti”. La lotta serrata ha visto prevalere il Costituendo RTP HYprosrl sulla equipe locale. Ma l’assessore non racconta quanto si legge in determina e cioè che la stazione unica appaltante voluta dal Commissario Prefettizio ha tenuto la prima seduta giorno 8 agosto 2018, il 30 ottobre del 2019 venivano concluse le operazioni e da quel momento si arriva al 23 gennaio 2020 data ultima citata nella determinazione approvativa dell’aggiudicazione. Poi l’aggiudicazione contrae il coronavirus, perché altrimenti non si spiega come mai l’assessore si sia potuto mettere in posa solo 4 mesi dopo».

Lamenza continua con il suo affondo: «Purtroppo la foga di apparire, di mettersi in posa e sorridere tipo pubblicità  durbans, gioca brutti scherzi, come quello sul mancato pagamento delle maestranze della mensa comunale, altra sonora figuraccia, con l’assessore che annuncia il pagamento senza che il comune avesse responsabilità. Ed arriviamo ad oggi, possibile signor Conte-Stasi che proprio in un particolare momento in cui tra emergenza sanitaria Coronavirus ed “emergenza monnezza”, nel mentre ancora molte attività commerciali restano chiuse per le “restrizioni mentali”, si possa continuare a tollerare la presenza nella terza città della Calabria di ambulanti  che, senza alcuna protezione e/o misura di sicurezza, indisturbati occupano sempre la solita “postazione vendita” sia nell’A.U. Corigliano che Rossano, strafregandosene del rispetto delle regole, abusivamente e senza misure igienico sanitarie? Nulla contro gli ambulanti, sia chiaro, ma abbiamo sempre scritto le nostre proposte nel rispetto delle regole e soprattutto di chi paga e strapaga fiumi di tasse e canoni di affitto per i negozi di vendita autorizzata. Assolutamente nulla contro la vendita itinerante, ma, Signor Conte-Stasi, Lei e la Sua Giunta, Lei e la Sua Maggioranza sappia che anche in questo caso “La Legge è Uguale per Tutti”, lo ripeta sempre a se stesso ed a chi è addetto ai controlli ! E ancora oggi, a questi benefattori dei pescatori. Solo dei pescatori? Si mormora di decreti di decadenza  per lidi balneari morosi, di un elenco che ancora ha sulla carta dei nomi di soggetti che hanno realizzato un lido di fianco alla loro doccia, eppure sono assegnatari. O di qualcuno che costruisce lidi perché ha parlato con qualcuno che gli ha detto vai avanti. Vedremo anche con il competente settore della Regione calabria di capire come stanno le cose, di allontanare le sacche di “volemose bene”. Sindaco, a proposito, prossimamente vuole avere qualcosa da dirci oltre le solite puntate di telenovele serali? Ci parli dei livellari, del centro sportivo di Insiti, dove qualcuno ha detto che ballano un migliaio di voti che potrebbero minare il consiglio comunale. Dica, lei che ha la vocazione di liberare il territorio,  ci dica,  perché non fa sgomberare quel tale che pianta angurie e meloni su terreno pubblico? Perché Lei continua a tacere su Insiti? La gente vuole sapere, la Lega vuole capire».


 

Commenta

commenti