Home / Attualità / Corigliano Rossano: il comune promuove l’intesa con sindacati e confindustria. Appalti, garantire ampia partecipazione alle imprese

Corigliano Rossano: il comune promuove l’intesa con sindacati e confindustria. Appalti, garantire ampia partecipazione alle imprese

 Si è svolto ieri (martedì 3 settembre) l’incontro promosso dall’Amministrazione Comunale con le organizzazioni sindacali, Confindustria ed Ance Cosenza, nella Sala Giunta del Palazzo Municipale di Piazza SS.Anargiri. Principi e metodi condivisi nel primo e proficuo incontro in cui si è parlato di appalti pubblici, garantire la massima trasparenza nel più rigoroso rispetto delle norme vigenti, della legalità e delle regole della corretta concorrenza tra le imprese.

 A dare notizia dell’incontro, aperto dai saluti del Sindaco Flavio Stasi, sono il vicesindaco Claudio Malavolta e l’assessore all’assetto urbano e alla protezione civile Tatiana Novello esprimendo soddisfazione per le sinergie ricercate e incontrate tra l’Amministrazione Comunale e le parti sindacali e datoriali in tema di trasparenza; a garanzia – è stato condiviso da tutti al tavolo – sia della libera e corretta partecipazione di un numero sempre maggiore di imprese agli appalti della pubblica amministrazione, sia di tutte le necessarie tutele e dei diritti del mondo del lavoro derivanti dalla preferenza della evidenza pubblica e delle procedure aperte.

All’incontro con Malavolta e Novello hanno partecipato, per i sindacati, Luciano Campilongo(Uil), Andrea Ferrone (CGIL) e Giuseppe Guido (Cgil) e Giuseppe Lavia (Cisl) e per Confindustria Cosenza, il Presidente Natale Mazzuca, il Presidente di Ance Cosenza Giovan Battista Perciaccante, il Direttore Rosario Branda e Vincenzo Serra dell’area tecnica di Ance.

 Il nostro indirizzo – hanno sottolineato gli amministratori – è quello di prevedere in via esclusiva procedure di evidenza pubblica per tutti i sistemi di appalto per eliminare quegli spazi di discrezionalità incontrollabile nelle procedure di gara ed affidamento di lavori, incarichi e forniture, che tendono a produrre distorsioni, anomalie ed attenuazione dei principi generali del perseguimento del pubblico interesse.

 Di fase importante e foriera di prospettive positive hanno parlato i rappresentanti sindacali che hanno posto l’accento, in particolare, sulle possibili ricadute occupazionali con controllo del pieno rispetto delle norme contrattuali a favore dei lavoratori e di rispetto della sicurezza sui luoghi di lavoro.

 Tutto ciò che tende a favorire la più ampia e diffusa partecipazione degli imprenditori alle procedure concorsuali – è stato sottolineato da Confindustria – con sistemi di aggiudicazione che garantiscono i principi della libertà d’impresa e della corretta concorrenzialità ci trova da sempre in prima linea perché resta la sola via che garantisce la vita delle imprese sane, combatte con efficacia il fenomeno del lavoro nero, assicura alla pubblica amministrazione lavori eseguiti a regola d’arte ed in qualità.

 Prossimo step: la stipula di un protocollo d’intesa sulla legalità che faccia tesoro delle migliori esperienze già in atto nel Paese con l’obiettivo di proporsi come esempio positivo, riferimento e supporto per il territorio.


Commenta

commenti