Home / Breaking News / Corigliano Rossano.Fusione, Candiano: “Riprendere iniziativa istituzionale”

Corigliano Rossano.Fusione, Candiano: “Riprendere iniziativa istituzionale”

psa

avv.Nicola Candiano

Corigliano Rossano. Fusione. Di seguito la nota stampa dell’avv. Nicola Candiano, già assessore al bilancio,programmazione, politiche del territorio del comune di Rossano. “Sotto il cielo della Fusione vi è con-Fusione, in misura maggiore del prevedibile. Vi è una grande voglia di partecipare, ma mancano luoghi e tempi della sintesi. Se non regole, occorrerebbe almeno un po’ di buon senso. Le forze politiche, sociali e culturali, rispettose dei propri spazi, dovrebbero coltivare l’ambizione di confrontarsi sull’idea di Città unica: sulle proposte alternative giudicheranno i cittadini; all’attuazione penseranno gli organi democraticamente eletti. La dialettica interna all’inedita Comunità deve preservare l’unità di intenti, per  rivendicare che gli  “altri” facciano quel che debbono”.

“Le differenze sono una ricchezza; le divisioni indeboliscono. La Fusione tra Comuni è momento essenziale del processo di riforma dell’articolazione delle Istituzioni di Governo del territorio. Ciò impone ad ognuno, Stato e Regione, di fare la propria parte. Si dice: la Fusione Corigliano Rossano è un evento straordinario, per le dimensioni dei due Enti e la strategicità territoriale dell’operazione. Ma gli strumenti apprestati sono adeguati? Occupiamoci della Regione Calabria. In mancanza del riordino della materia, essa opera ancora con una normativa datata nel tempo e peraltro la disapplica nei suoi pochi aspetti positivi. La Legge n. 2/2018 istitutiva del Comune unico, nella forma, non è certo un modello da imitare: assolutamente ipertrofico e ridondante e, soprattutto, inutilmente ripetitivo delle disposizioni della legislazione nazionale, suscettibili di un mero rinvio. E con qualche dubbio di invasione di competenze”.

CORIGLIANO ROSSANO, FUSIONE, CANDIANO: “IMPEGNI CONTRADDITTORI E DISATTESI  

“Nella sostanza è ancora peggio. L’aspetto più grave e stupefacente è l’art. 11 – clausola di neutralità finanziaria :  “dall’attuazione della presente legge non derivano nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale” . Una vera follia! Una chiara violazione dell’art. 20 L.R. n. 15/2006 e dell’art. 15/II comma del T.U. degli Enti Locali che obbliga la Regione ad erogare un contributo una tantum ed incentivi pluriennali, adeguati alle dimensioni dei Comuni in fusione. Un esempio: la Regione Emilia Romagna, al Comune di Ventasso istituito per fusione nel 2015, 4.000 abitanti, ha garantito negli anni copertura finanziaria per circa 4 milioni e mezzo di euro di contributi. Quanti milioni, in proporzione, dovrebbero arrivare alla nostra fusione?”

“Poi l’autosmentita cinque minuti dopo aver licenziato la legge, con una foglia di fico: l’Ordine del giorno approvato dal Consiglio Regionale, con impegno perchè  “siano celermente stanziati in misura adeguata i fondi per l’erogazione dei contributi per la fusione di cui all’art. 5 L.r. n. 15/2006”. E addio neutralità finanziaria!

Ma l’ordine del giorno prevede anche altro, mutuato per lo più dalle richieste avanzate dai due Comuni nelle sede ufficiali: l’aggiornamento del Piano di riordino territoriale; l’accesso ai Fondi Por Asse 13 – Capacità Istituzionale; la messa a disposizione degli ex stagisti residenti nel territorio; un piano di sostegno per l’aggiornamento del personale del nuovo Ente; un’azione Istituzionale per il ripristino del Tribunale di Rossano; l’estensione della Zes all’area portuale  di Corigliano; la stipula di un Accordo di Programma con il nuovo Comune capo-fila per la realizzazione di interventi individuati nel Patto per lo Sviluppo della Calabria, rinviato di un anno e mezzo a dopo l’insediamento del nuovo Consiglio Comunale.

 Dopo cinque mesi, nulla di tutto ciò; la celerità è in naftalina e dei fondi neanche l’ombra. Nemmeno la capacità di scrivere un dispositivo per il distacco degli ex stagisti, una cosa semplice ma essenziale per lla provvisoria macchina organizzativa.  Incredibile! E noi? Vogliamo continuare a guardarci l’ombelico?”

Commenta

commenti