Home / Attualità / Corigliano Rossano: ritorna Dolci Note in ricordo di Carmine Molino, un uomo d’amore

Corigliano Rossano: ritorna Dolci Note in ricordo di Carmine Molino, un uomo d’amore

Ancora aperte le iscrizioni al concorso canoro organizzato in memoria di Carmine Molino. In palio borse di studio per un valore di 500 euro

corigliano rossanoUna vita spesa a servizio dell’amicizia, della generosità, del rispetto dei valori più onesti e sani. Come quello della famiglia, a cui ha lasciato inevitabilmente un vuoto profondo ma anche un’importante eredità di principi di cui i suoi cari si sono fatti subito carico. Carmine Molino era invero un uomo d’amore, di quelli che ti restano addosso con tutto il loro carico di bontà. E nel suo ricordo, vivissimo e indelebile nei cuori di tutti, ritorna per la sua seconda edizione Dolci Note. Molto più che semplice concorso canoro, piuttosto un’opportunità offerta ai giovani per esprimere se stessi; per riempire il vuoto emotivo che attanaglia quelle nuove generazioni sempre più figlie del disagio esistenziale. Disagio che, però, si può estinguere attraverso una delle migliori lezioni di Carmine: stimolando e incoraggiando i nostri ragazzi a raccontarsi e comunicarsi. Viaggia su queste premesse la rassegna Dolci Note, organizzata dalla moglie di Carmine, Caterina Parrilla.

E le iscrizioni sono ancora aperte per tutti i giovani di Corigliano Rossano che vorranno offrirsi l’opportunità di aggiudicarsi ben due borse di studio in denaro. La prima, dell’importo di 200 euro, destinata alla categoria junior (6-12 anni); e una seconda dell’ammontare di 300 euro per i ragazzi dai 13 ai 20 anni. La sfida a colpi di note andrà in scena sabato prossimo 12 ottobre, al Teatro Amantea Paolella nel centro storico di Rossano, a partire dalle 21, presentata da Nuccia Speranza e Filomena Capalbo e con la direzione artistica di Fortunato Attadia. Quattro i giudici a cui è stato affidato il compito di selezionare i giovani vincitori: Antonio Marcello, Bina Forciniti, Alfredo Zicarelli, Rossella Adimari e – giudice specialissima – Francesca Molino. L’appuntamento è di quelli a cui certamente non si può mancare per non perdersi la possibilità di respirare un’atmosfera carica di emozioni, entusiasmo e creatività. Nel ricordo di un uomo che amava e sapeva farsi amare.


Commenta

commenti