Home / Attualità / Corigliano Rossano: il cuore della città continua a rimanere senz’acqua

Corigliano Rossano: il cuore della città continua a rimanere senz’acqua

Corigliano Rossano sta iniziando a vivere con l’emergenza idrica sul groppone nonostante la stagione estiva sia ormai alle spalle

Una zona centrale di Rossano, che ingloba Matassa, via Caboto, Monachelle arrivando fino a piazza Bernardino Lefosse, è allo stremo per la mancata o insufficiente erogazione idrica. “Stiamo rischiando di bruciare i motori degli autoclavi” questa è la denuncia che giunge da molti abitanti della zona compresa tra via Caboto, via Abenante, via De Simone e piazza Nino Chefalo.

Siamo nel cuore di Contrada Matassa, in cui sorgono delle case popolari abitate per la maggior parte da persone anziane che, da troppo tempo, lamentano un menefreghismo diffuso da parte delle istituzioni. Una zona centralissima per Rossano: la principale agorà della stazione dista a soli 5 minuti a piedi.

Proprio piazza Bernardino Lefosse non è immune alla carenza idrica, assodato che alcune attività come bar e ristoranti stanno riscontrando grandi difficoltà addirittura a lavare piatti e bicchieri. Ma la segnalazione più delicata arriva dalla scuola elementare di Monachelle. Infatti, come denunciato da alcuni genitori, nei giorni scorsi delle autobotti hanno dovuto ricaricare le cisterne dell’istituto ormai sature di acqua. Tutto ciò a danno dell’igiene delle aule e dei bagni che, in tempo di pandemia da Covid-19, potrebbero portare a tutta una serie di preoccupazioni.


Commenta

commenti