Home / Attualità / Corigliano Rossano, riprendono i lavori del consiglio comunale. Assise in videoconferenza in piazza SS. Anargiri

Corigliano Rossano, riprendono i lavori del consiglio comunale. Assise in videoconferenza in piazza SS. Anargiri

Alla seduta i consiglieri parteciperanno collegati da remoto, con una ridotta presenza fisica nella sede di Piazza SS.Anargiri

corigliano rossanoTorna a riunirsi venerdì 15 maggio, alle ore 16, il consiglio comunale di Corigliano Rossano. In prima istanza si discuterà delle ripercussioni socio-economiche sulla Città dell’emergenza Covid-19 e dell’istituzione della commissione consiliare Statuto (con una riunione preliminare ad hoc fissata per domani sabato 9 maggio). All’ordine del giorno vi sono anche altri punti (alcuni dei quali già previsti nei mesi scorsi) di natura economico-finanziaria, tra i quali l’inserimento in bilancio dei fondi stanziati dalla Protezione Civile nazionale per i buoni famiglia erogati dall’Amministrazione Comunale alle famiglie aventi diritto. A darne notizia è la Presidente dell’Assise Civica Marinella Grillo a seguito dell’ultima riunione dei capigruppo, svoltasi nei giorni scorsi in videoconferenza e nella quale sono state illustrate e condivise le nuove modalità di svolgimento a distanza del Consiglio Comunale.

Alla seduta, infatti, i consiglieri parteciperanno collegati da remoto, con una ridotta presenza fisica nella sede di Piazza SS.Anargiri, garantita oltre che dalla stessa Presidente, dal Segretario Generale Paolo Lo Moro e dal Sindaco Flavio Stasi solo ed esclusivamente, per ragioni prudenziali, da un numero di consiglieri in modo proporzionale ai gruppi politici rappresentati. La Grillo coglie l’occasione, infine, per sottolineare che il nuovo servizio tecnico e professionale di videoconferenza di cui si è dotato l’ente e che potrà essere utilizzato per tutte le attività istituzionali previste, prevedrà sia la diretta streaming dei lavori consiliari sul sito istituzionale e sulle pagine social del Comune a garanzia della pubblicità della seduta consiliare assicurando la partecipazione sia pure virtuale del pubblico (sulla base delle prescrizioni vigenti finalizzate a limitare il contagio); sia la registrazione e la trascrizione digitale degli atti, senza la necessità di personale in sala e quindi in assoluta sicurezza.


Commenta

commenti