Home / Attualità / Corigliano Rossano riceve il riconoscimento di Città che legge

Corigliano Rossano riceve il riconoscimento di Città che legge

corigliano rossanoLa sub commissario con delega alla cultura, vice prefetto vicario di Cosenza Emanuela Greco, comunica che Corigliano Rossano sarà Città che legge per il bienno 2018-2019. Il prestigioso riconoscimento è promosso dal Centro per il libro e per la lettura, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI). E consentirà di partecipare ai bandi per l’attribuzione di contributi economici, premi ed incentivi che saranno predisposti per premiare i progetti più meritevoli. La Greco sottolinea la qualità dell’ulteriore riconoscimento; che gratifica rispetto agli impegni e alle iniziative messe in campo fino ad oggi. E che è inoltre destinato ad impreziosire e rafforzare la percezione di CORIGLIANO ROSSANO come città d’arte e cultura.

CORIGLIANO ROSSANO, STRUMENTI E INIZIATIVE CHE HANNO RESO POSSIBILE LA CANDIDATURA

Le iniziative AIUTACI A CRESCERE. REGALACI UN LIBRO; LEGGERE INSIEME PROGETTO DONCHISCIOTTESCO; INCONTRO CON L’AUTORE;  e ancora LA CULTURA RENDE LIBERI; LETTURE D’AUTUNNO. Le biblioteche comunali F. POMETTI sita in Largo VALENTE, di PALAZZO. SAN BERNARDINO e MINNICELLI (privata) nel palazzo MINNICELLI. Le librerie AURORA (via Nazionale) MONDADORI (viale Michelangelo), GIUNTI (Centro Commerciale I Portali), MANZONI (viale De Rossi), PADRE PIO (via Galeno), IL FONDACO         (Via Nazionale). I progetti nazionali LIBRIAMOCI. GIORNATE DI LETTURA NELLE SCUOLE e IL MAGGIO DEI LIBRI. Sono, questi, soltanto alcuni dei principali strumenti ed iniziative realizzate grazie ai quali è stato possibile candidarsi ed ottenere la nomina di CITTÀ CHE LEGGE.

Il progetto del Centro per il libro e per la lettura – spiega Tina Alessandra De Rosisresponsabile del settore istruzione e cultura – ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare quelle amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità, sul proprio territorio, politiche pubbliche di promozione della lettura. Con l’intento di riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso; in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva. Sono 441 (con un aumento rispetto all’anno precedente) i comuni ammessi nell’elenco delle CITTÀ CHE LEGGONO, di cui 125 del Sud.

Commenta

commenti