Home / Attualità / Corigliano Rossano, Bagnato: welfare, comuni siano regia per sviluppo

Corigliano Rossano, Bagnato: welfare, comuni siano regia per sviluppo

CORIGLIANO ROSSANOIl Commissario Prefettizio del comune unico di Corigliano Rossano Domenico Bagnato ribadisce come, in tema di welfare territoriale, debbano essere i comuni a “promuovere le risorse della collettività locale; a coordinare i programmi e le attività degli enti che operano nel territorio; e ancora a sviluppare collegamenti operativi tra i servizi ed intese con le aziende sanitarie, con il Centro per la Giustizia Minorile, con l’Amministrazione Penitenziaria, con i gruppi del terzo settore. Adottando inoltre strumenti per il controllo di gestione e la valutazione; garantendo ai cittadini i diritti di partecipazione al controllo di qualità dei servizi.

Le dichiarazioni sono avvenute nel corso dell’incontro dal titolo LA RIFORMA DEI SERVIZI SOCIALI  (ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N.23/03); ospitato nel Castello Ducale, nel Centro Storico di Corigliano. Obiettivo dell’iniziativa era quello di offrire un approfondimento sia sui passaggi della riforma con la quale si affida agli enti locali la delega delle competenze in materia; sia sul futuro dei distretti socio-assistenziali nel Comune Unico. Il Commissario ha colto inoltre l’occasione per ringraziare i responsabili della Regione Calabria e gli operatori del settore.

CORIGLIANO ROSSANO, GLI INTERVENTI

“Con l’attuazione della Legge Regionale numero 23/03 ai comuni è stata assegnata la programmazione, la progettazione e la realizzazione del sistema locale dei servizi sociali a rete; l’indicazione delle priorità e dei settori di innovazione; l’erogazione delle prestazioni assistenziali; e ancora l’autorizzazione, l’accreditamento e la vigilanza dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale; la definizione dei parametri per l’accesso prioritario alle prestazioni e ai servizi. I comuni – ha concluso – sono chiamati a realizzare tutto questo attraverso un’azione di regia.

Dopo i saluti istituzionali e quelli di Paolo Fontanella responsabile ufficio servizi sociali della sede territoriale di ROSSANO, sono intervenuti anche Tina De Rosis, responsabile del settore diritti sociali istruzione e cultura della sede territoriale di CORIGLIANO; Rosalba Barone dirigente settore politiche sociali Regione Calabria (su La Riforma dei servizi sociali in Calabria); Renato Gaspari dirigente programmazione sociale della Regione Calabria (in merito alle strutture socio-assistenziali: requisiti strutturali e requisiti professionali). L’incontro era riservato agli operatori dei servizi sociali del Comune di CORIGLIANO ROSSANO; nonché ai responsabili dei servizi sociali dei comuni facenti parte dei distretti socio-assistenziali NN. 1-3.

Commenta

commenti