Home / Attualità / Corigliano-Rossano: arrestati tre giovani bulli per rapina aggravata verso un minore

Corigliano-Rossano: arrestati tre giovani bulli per rapina aggravata verso un minore

Il personale della Squadra di Polizia Giudiziaria traeva in arresto tre bulli, da poco maggiorenni, con all’attivo già numerosi episodi di condotte violente

corigliano rossano

All’esito di incessanti e meticolose attività di indagine nella tarda serata di ieri, personale della Squadra di Polizia giudiziaria del Commissariato di Corigliano-Rossano, coadiuvati dall’ispettore Stefano Laurenzano, hanno tratto in arresto tre giovani bulli, da poco maggiorenni ma già pregiudicati avendo all’attivo già numerosi episodi di condotte violente che avevano terrorizzato alcune piazze dell’area urbana di Rossano, ritrovo abituale di giovani.

In particolare giungeva sul numero di emergenza 113 la segnalazione di una rapina consumata in una piazza del comune di Corigliano Rossano, area urbana di Rossano, da parte di un ragazzo minorenne che lamentava di essere stato aggredito da tre giovani, che dopo averlo immobilizzato, afferrandolo per le braccia e le spalle, lo trascinavano nel retro di un palazzo facendolo oggetto di violenze fisiche mediante lo spegnimento di alcune sigarette sul polso e sul collo. L’azione criminosa culminava con lo strappo violento della catenina d’oro che la vittima indossava al collo, dopodiché gli stessi si davano alla fuga: due a bordo di un ciclomotore mentre il terzo si allontanava a piedi.

Nell’immediatezza veniva attivato il piano locale antirapina e si riusciva a rintracciare  e bloccare dopo appena mezz’ora due soggetti a bordo del ciclomotore, identificati successivamente per R. A. di anni 18 e D. M. I. di anni 19, con a carico svariati precedenti di polizia per minacce lesioni e reati contro il patrimonio.

Sottoposti a perquisizione personale i due venivano trovati in possesso della somma di 400 euro, come successivamente accertato, provento della vendita dell’oggetto rubato. Il terzo, P. M. P. di anni 19 veniva successivamente rintracciato mentre cercava di rientrare a casa.

I tre giovani venivano, così, tratti in arresto in flagranza di reato e su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa del rito per direttissima.

Una denuncia seguita dagli arresti odierni che ha di fatto attivato una reazione a catena. Nelle ultime ore, infatti, pare si stia allargando il cerchio sui fenomeni di bullismo in città con altre segnalazioni che stanno giungendo alla centrale operativa del Commissariato di Polizia, molte delle quali anche per congratularsi con il lavoro posto in essere dagli agenti del presidio di Corigliano-Rossano


Commenta

commenti