Home / Attualità / Corigliano: Rapporto tra famiglia e parrocchia

Corigliano: Rapporto tra famiglia e parrocchia

CoriglianoCorigliano :“Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, ad offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio. E’ questo il vostro culto spirituale. Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente.

Per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto”. Così S. Paolo nella lettera ai romani. E’ importante che le comunità parrocchiali facciano propria l’esortazione di Paolo. A “rinnovare le menti” per essere attenti alle realtà che cambiano.

All’interno di ogni parrocchia vi sono singole attività, singole azioni pastorali che sono ottime in quanto tali. Ma che fanno avvertire una crisi. Un’insufficienza della situazione attuale, un bisogno di cambiamento.

CORIGLIANO RAPPORTO TRA FAMIGLIA E PARROCCHIA

Là dove quest’analisi possa ritenersi fondata, si può pensare ad un cambiamento di prospettiva. La partenza, il soggetto primo da prendere in considerazione, dovrebbe essere la famiglia, che è la realtà trasversale a tutti questi aspetti.

Su questi argomenti si discuterà sabato prossimo 18 marzo alle ore 18.30 presso l’auditorium della chiesa di Sant’Antonio nell’incontro sul tema. “Rapporto Famiglia-Parrocchia com’è, come vorremmo fosse- Realtà attuale, desideri, propositi”. Interverranno don Gaetano Federico, parroco, e Demetrio Guzzardi, editore cattolico.

Fonte: La Provincia Di Cosenza

Commenta

commenti