Home / Attualità / Corigliano: il 22 e 23 luglio “Le città invisibili – Ambiente e ambienti​”

Corigliano: il 22 e 23 luglio “Le città invisibili – Ambiente e ambienti​”

coriglianoCorigliano. Nel percorso delle Piazze dell’Alternativa, si svolgerà a Corigliano il 22 e 23 luglio prossimi la tappa dal titolo Le città invisibili – Ambiente e ambienti​. Due giorni di dibattiti, tavole rotonde, installazione creative, musica fra il mare e la città. Le città invisibili sono le nostre occasioni mancate. Quello che non siamo e potremmo essere, il futuro che non sappiamo ancora immaginare. Puntiamo l’attenzione sull’ambiente come primo specchio di uno sviluppo lineare basato sul consumo (di risorse, di suolo) in un sistema che ormai mostra tutti i suoi limiti anche economici. Ma anche gli ambienti, gli spazi fisici subiscono lo stesso destino: il centro storico rischia di diventare una grossa discarica architettonica in cui interi quartieri rischiano un abbandono irreversibile a favore del cemento tuttora inarrestabile.

CORIGLIANO: LE CITTA’ INVISIBILI

Ciclo dei rifiuti e riciclo urbano devono essere momenti intrecciati di un ripensamento di noi stessi che colmi il vuoto politico e sociale attuale, dia voce e spazio alle realtà apparentemente marginali, per costruire delle alternative credibili. La Rete delle Città (http://bit.ly/2rP76ej) in comune è parte integrante di questa condivisione di esperienze che crei nuove centralità diffuse per non relegarci sempre più nella periferia di noi stessi. C’è parso naturale dare spazio al mondo delle donne (come donne e come uomini) che volessero finalmente parlare della propria vitalità, del proprio impegno per costruire, denunciare e protestare la condizione umana di chi vive qui e i posti come qui.

Vogliamo contribuire a rendere ancora più ampia e salda l’alleanza delle reti di società civile che s’impegnano sul territorio invitando tutte le organizzazioni sociali attive sulle differenti tematiche, i singoli cittadini, il mondo imprenditoriale ed accademico a leggere e diffondere questo Manifesto di Volontà.

CORIGLIANO: GLI OBIETTIVI DE LE PIAZZE DELL’ALTERNATIVA

Ci siamo chiesti cosa può essere utile per contribuire ad arricchire il percorso che le Piazze dell’Alternativa (http://bit.ly/2u5c1L2) sta portando avanti a livello nazionale e abbiamo pensato che, contestualmente alla realizzazione di questo evento, vorremmo: ● Produrre un documento di analisi metodologica da condividere con la rete delle città in comune; ● Dare un chiaro segnale di scelta politica coinvolgendo e privilegiando la presenza femminile a questo evento; ● Impegnarsi nel creare piccole/grandi proposte “concrete” per avviare un percorso di trasformazione locale e condivisibili a livello globale; ● Attraverso il Graphic recording (rappresentazione grafica) catturare in tempo reale contenuti complessi, sintetizzarli, visualizzarli in percorsi e mappe facilitandone la comprensione, condivisione e il ricordo.

CORIGLIANO, LE CITTA’ INVISIBILI: AMBIENTE 

La risposta alla crisi ambientale deve avvenire innescando un meccanismo collettivo di ripensamento della società nella sua interezza. Immaginando una nuova alleanza tra società civile, comunità scientifica e mondo dell’impresa, che si ponga l’obiettivo di immaginare un paradigma alternativo di sviluppo e di dotarsi degli strumenti per realizzarlo. O basterebbe molto più semplicemente, in territori come questi, ricostruire la propria identità e memoria attorno ai luoghi, prendendosene cura. Tutti gli eventi sono gratuiti. E’ gradita e sollecitata la presenza di bambini, adulti, anziani.

Salute del suolo​: Vogliamo porre al centro dell’attenzione la situazione in cui versa il nostro suolo. Che attraverso l’impiego massiccio di fertilizzanti di sintesi e di diserbanti ha dilavato i microelementi e paralizzato l’attività microbiologica dei suoli, impedendo la formazione di sostanza organica e humus. L’uso inappropriato della meccanizzazione​ ha provocato la distruzione della struttura, la compattazione del suolo.

CORIGLIANO, LE CITTA’ INVISIBILI: IL DIBATTITO

Rigeneriamo il suolo​ e nutriamo correttamente le piante. Riusciremo a tutelare la nostra biodiversità? Salute delle persone: il nostro è un ambiente sano? Abbiamo informazioni adeguate sui progetti di sviluppo, infrastrutturale, industriale, energetico con impatti potenziali sul territorio? Come la criminalità organizzata sta minando la nostra salute? Le prestazioni sanitarie sono adeguate alla prevenzione e monitoraggio delle patologie connesse all’esposizione ambientale? Salute delle acque: una pianura ricca d’acqua, sorgenti, bacini artificiali per l’uso agricolo eppure sempre in crisi idrica​, con razionamenti, mancate manutenzioni, allacci abusivi alla rete. Perchè? In che stato versa il nostro sistema di depurazione? Lavorare è salute​: il capitale umano è sottoutilizzato​. I giovani abbandonano il territorio, cosa fare e in cosa investire per non aggravare l’esodo dei nostri figli?

CORIGLIANO, LE CITTA’ INVISIBILI : IL PROGRAMMA DAL 17 AL 21 LUGLIO 

Come garantire delle condizioni lavorative dignitose ai lavoratori del mondo agricolo e come riformare i contratti di lavoro in agricoltura? Hotel Paradiso, Viale Cristoforo Colombo, 3 Schiavonea, Corigliano Calabro.

Domenica 23 Luglio  ​9- 11 Costruzione creativa di una protesta in città. Costruiamo azioni di denuncia del consumo di suolo con il collettivo Random. ​Piazza S.Antonio e Piazza S. Francesco, Corigliano Calabro.

11 – 13 La corigliano sospesa. Processione laica per le strade del centro storico Azioni di protesta e di proposta. Vogliamo coinvolgere i cittadini nei processi di pianificazione urbana e di rigenerazione, per rinaturalizzare gli spazi, rendendoli pienamente fruibili ed evitando che si consumi altro suolo. Vogliamo restituire ai cittadini il centro storico, vivibile e pienamente fruibile. C​origliano Calabro, ritrovo piazzetta del “Fondaco” .

17 -21 La città dei rifuti  Il ciclo di gestione dei rifiuti Analisi e evidenze di un sistema fallimentare. Proposte alternative. Desideriamo fare chiarezza sul sistema reale di raccolta dei rifiuti nel nostro territorio, sfuggendo alle tentazioni populiste di un tema molto sentito dalla popolazione e che perciò necessita di una analisi e di proposte serie che possono nascere dal confronto con realtà non troppo distanti da noi. Chiusura dei lavori​: Proposte programmatiche, Azioni concrete, Metodologie condivisibili e strategie di rete. ​Masseria Brica Rossa, Contrada Salice Brica Rossa, Cantinella – Corigliano Calabro.

CORIGLIANO: LE CITTA’ INVISIBILI GLI OSPITI

Maurizio Agostino – Responsabile regionale Icea Luca Basile, Professore di chimica industriale, responsabile gruppo ambiente “Coalizione Civica per Bologna” Tonino Caracciolo – Geologo Morena Gallo – Giornalista de ‘Il Quotidiano’ Lilia Infelise – Economista industriale, esperta in Bioeconomia Carmine Lupia – Etnobotanico Federico Martelloni, Consigliere Comunale Coalizione Civica per Bologna Maria Grazia Minisci – Imprenditrice – produzione biologica e biodinamica Gianluca Montemurro – Agricoltore – la cura del suolo e delle piante nell’agricoltura organica e rigenerativa Sergio Paciolla, coordinatore cittadino Sinistra Italiana Anna Parretta – avvocato e coordinatrice del Centro di Azione Giuridica di Legambiente Calabria Luigi Ragone.

Commerciante prodotti agricoli – Elisa Romano – Attivista ambientale – Wwf Francesco Maria Scanni – Consigliere comunale di Casole Bruzio (CS) Assunta Scorpiniti – Scrittrice e Attivista politica – #CariatiPulita Flavio Stasi – Attivista politico Terra e Popolo – la situazione ambientale Guido Trentini – Tecnico ambientale specializzato nella gestione del ciclo dei rifiuti Isabella Violante – Rete Autonoma Sibaritide e Pollino per l’Autotutela (Raspa) Antonella Vincenzi – Casa delle donne – Civita (CS) Moderatrice: Caterina Arcangelo, fondatrice Cooperativa letteraria Fuoriasse Pierpaolo Barresi _ illustratore e Graphic Recording Collettivo Random _ artisti e installazioni Alessandro Castriota Scanderbeg _ musiche locali e dal mondo I tamburi di S. Andrea Apostolo _ banda laica

Commenta

commenti