Home / Breaking News / Corigliano, i giovani bacchettano la politica cittadina

Corigliano, i giovani bacchettano la politica cittadina

coriglianoCome vedono il modo di fare politica da parte dei nostri governanti, non solo in Italia ma anche qui in città, i giovani? E’ sicuramente un aspetto molto interessante. Tenuto conto che i giovani saranno, eventualmente, i politici del futuro. Ad intervenire sull’argomento è Alberto Gabriele, referente della Commissione Affari Generali dell’Associazione Gruppo Forum. “La parola “politica”, – afferma Gabriele – di origine greca, ha un significato molto più profondo di quello che gli attribuiamo oggi. Questa parola ormai abusata, violentata e ridotta a vocabolo da evitare e disprezzare, in realtà vuol dire: organizzazione e gestione della cosa pubblica e comune. Un significato che abbiamo dimenticato e sotterrato nella nostra mente o che forse vogliono farci dimenticare.

CORIGLIANO, GIOVANI E POLITICA: L’OPINIONE DI ALBERTO GABRIELE

L’ipotesi peggiore, però, è quella in cui chi fa politica oggi non conosca minimamente questa parola e il suo profondo significato. Perchè dico questo? Perchè da quando ho memoria, ad amministrarmi, non ho trovato politici ma politicanti. Politicante è colui che “svolge attività politica con scarsa competenza, per lo più con mire ambiziose e per trarne vantaggi personali”.Dove sono i politici che lottano per la legalità, per l’ambiente, per una qualità di vita migliore dei propri concittadini e per il bene comune? Semplice: non ci sono.Questo periodo storico ha generato la più scadente e degradante classe politica dal dopoguerra ad oggi. E come se non bastasse, tali individui si permettono anche il lusso di essere arroganti e disfattisti con chi si lamenta.

CORIGLIANO, GABRIELE: VOGLIO UN POLITICO CHE SCENDA PER STRADA TRA LA GENTE

O cerca di migliorare il loro operato: “Sei troppo giovane, non hai esperienza, non hai mai fatto politica, non capisci, la politica non è cosa tua, fai altro nella vita”. Queste frasi le abbiamo sentite tutti almeno una volta nella vita. E io non ho mai capito una cosa: tutta la loro esperienza politica dove ci ha portati? All’annientamento più totale dell’individuo che subisce le loro scelte e all’annientamento del nostro territorio. Io voglio un politico che scenda per strada tra la gente, che l’ascolti, che sia in grado di darmi risposte e che non si nasconda dietro scuse (a volte carenti d’inventiva ). Un politico che non sia indagato o processato. Un politico che lotti contro l’illegalità. Vorrei un politico così e mai più un politicante a decidere per me”.

(fonte: La Provincia di Cosenza)

Commenta

commenti