Home / Attualità / Corigliano, Geraci: “No a trasferimento punto nascite a Castrovillari”

Corigliano, Geraci: “No a trasferimento punto nascite a Castrovillari”

giuseppe-geraciIpotesi di chiusura e trasferimento dei reparti di Ginecologia-Ostetricia e di Pediatria dal “Guido Campagna” a Castrovillari, il Sindaco Giuseppe GERACI scrive al Presidente della Giunta regionale Mario OLIVERIO: siamo stufi di in condivisibili strategie politiche. No ad ennesimo scippo. 1000 nascite solo nel 2014, il punto è di vitale importanza per l’intero territorio.
L’Esecutivo GERACI si era rivolto anche al Direttore Generale dell’ASP di Cosenza, senza ricevere riscontri e rassicurazioni.
Se dovesse risultare vero – scrive il Primo Cittadino al Governatore della Calabria – non posso che esternare il mio personale disappunto chiedendo di adoperarsi, fattivamente e autorevolmente, perché ciò non avvenga. Il diabolico e temerario progetto, ove realmente disegnato – aggiunge – arrecherebbe danni ingenti e facilmente immaginabili.
Oltre ad impoverire, ancora una volta, l’Ospedale Coriglianese, di antichissima e gloriosa istituzione, punto di eccellenza nel campo medico e chirurgico, svilirebbe il ruolo strategico di una vasta area geografica sulla quale dovrà sorgere l’Ospedale Unico della Sibaritide.
La scelta, inoltre, si rivelerebbe alquanto deleteria per un’intera comunità che ha visto e che vede nelle Unità Operative candidate alla soppressione e al trasferimento, servizi essenziali e vitali. Basti pensare – ed è notizia documentata delle ultime ore – che il Punto Nascite coriglianese ha registrato, nel 2014, ben oltre 1.000 natività. Infatti esso è al servizio non solo del territorio coriglianese bensì di tutto il comprensorio circostante e viciniore.

Il nostro territorio – continua la lettera – è stanco delle continue spoliazioni subìte e subende; èstufo di vedersi privato dei servizi essenziali ed indispensabili; è saturo delle ingiustizie cui, da tempo, sta rimanendo vittima, perché indigeste risultanti di ottusità politica e di incondivisibili strategie che a nulla portano se non a discriminare i cittadini e a privarli dei loro sacrosanti diritti.
Il mio appello – conclude GERACI – è, quindi, rivolto alla correttezza, alla saggezza, alla lungimirante esperienza del Governatore della terra di Calabria perché, con l’autorevolezza che lo contraddistingue, ponga fine alle logiche inique e scellerate che si sono finora perpetrate e si faccia carico, con serenità, delle problematiche che, da fin troppo tempo, affliggono la nostra Regione.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*