Home / Attualità / Corigliano: Associazione Fidelitas, tombolata di beneficenza per le città colpite dall’alluvione

Corigliano: Associazione Fidelitas, tombolata di beneficenza per le città colpite dall’alluvione

COMUNICATO STAMPA

tombolata-di-beneficienzaNella Città bizantina di Rossano l’associazione socio culturale di promozione sociale territoriale nonché di volontariato Fidelitas, presieduta dall’avvocato Giuseppe Vena coadiuvato da novanta soci, ha organizzato nei giorni scorsi una tombolata di beneficenza. L’evento ha fatto registrare una forte affluenza di partecipanti che hanno trascorso, all’insegna dell’armonia e della solidarietà, la serata con un pensiero rivolto alle persone di Rossano e Corigliano Calabro, meno fortunati, che hanno subito danni dallo scorso tragico evento alluvionale del 12 dell’agosto 2015. La tombolata è stata promossa a favore delle popolazioni di Rossano e Corigliano Calabro maggiormente colpiti dall’evento calamitoso che ha causato ampi ed ingenti danneggiamenti. “Noi come associazione – dichiara l’avvocato Vena – abbiamo l’obbligo morale di aiutare il prossimo poiché teniamo molto a cuore la popolazione del comprensorio, abbattendo ogni campanilismo, e vogliamo attivarci, come stiamo già facendo in più fronti, per la salvaguardia e crescita del territorio e per la tutela della popolazione tutta. Infatti, il ricavato della serata verrà, interamente, adoperato per l’attuazione di progetti benefici di opere pie di beneficenza in favore dei rossanesi e dei coriglianesi”. Molto ambiti sono stati i premi in palio dell’estrazione dei giri di tombola, atteso che erano alcuni quadri di noti ed illustri pittori di caratura nazionale tra cui Maria Credidio, Francesca e Stefania Vena, Marcello La Neve, Sergio Mandorino e Diva Caputo. A presenziare alla serata anche il noto pittore internazionale Emin Shaqja che ha regalato all’associazione Fidelitas tre sue opere di olio su tela mentre lo scultore Angelo Barilari ha fatto dono di una scultura raffigurante la Madonna.

Associazione Fidelitas  

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*