Home / Breaking News / Cooperative agricole, perché sparare nel mucchio?

Cooperative agricole, perché sparare nel mucchio?

raccolta agrumiVogliamo proseguire la nostra inchiesta nel mondo dell’agricoltura, vocazione naturale del nostro territorio, motore propulsivo dell’economia locale. Se è vero, infatti, che non c’è angolo della Sibaritide che non abbia un campo coltivato, sia di pesche, mandarini o di olive, non vogliamo analizzare solo una faccia della medaglia. Ciò che ci sta a cuore, e come a noi a tanti abitanti jonici, è il futuro di questo settore, per troppo tempo poco controllato e, per questo, non organizzato a dovere.
In una realtà come la nostra, difficile sotto tanti punti di vista, di cooperative, uno degli attori principali del settore agricolo, ne esistono tante: alcune più “buone”, che operano nella legittimità e nella difesa dei propri lavoratori, altre meno buone.
Proprio a causa di queste ultime, l’Inps è arrivato a un giro di volta per cui, facendo di tutta l’erba un fascio, ha sbattuto le porte in faccia a “tutti” in maniera, apparentemente, indiscriminata. Certo, è apprezzabile la volontà da parte dell’ente di fare le cose per bene, ma non è accettabile che “si spari nel mucchio”, a spregio di lavoratori, datori e cooperative serie.
Se, infatti, in tanti hanno aggirato l’ostacolo truffando lavoranti e istituzioni, altrettanti fanno della serietà e del sostegno all’agricoltore un monito da seguire sempre e comunque. Questi ultimi a chi devono rivolgersi? È giusto che scontino le colpe altrui, ritrovandosi a non essere rappresentati e tutelati proprio da chi, ed è pagato per questo, dovrebbe supportarli?
A questo proposito, a muoversi dovrebbero essere proprio quegli studi di consulenza, patronati e sindacati che, andando a bussare alla porta dell’Inps, dovrebbero fare gli interessi dei propri clienti pretendendo risposte e operazioni concrete.
Non si può lasciare in stallo un settore così vitale per la nostra economia, specie se ci sono tanti agricoltori e tante aziende che aspettano solo di poter imbracciare gli attrezzi di un mestiere onesto, ritornare nei campi e svolgere i propri compiti. Siamo dalla parte dei lavoratori. Chi ha sbagliato, paghi.

m. f.
s. t. 

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*