Home / Attualità / Il Consultorio di Trebisacce, esempio a Catanzaro

Il Consultorio di Trebisacce, esempio a Catanzaro

trebisacceIl Consultorio Familiare di Trebisacce protagonista nella giornata odierna nell’Incontro-Dibattito che si terrà nella Sala Oro della cittadella regionale di Catanzaro e che sarà aperto dal presidente Mario Oliverio sul tema “Cosa dicono le donne” in merito al “Percorso Nascita nella provincia di Cosenza e di Reggio Calabria”.

L’ha organizzato il Collegio delle Ostetriche di Cosenza e di Reggio Calabria impegnato per un obiettivo comune che è quello di conoscere gli atteggiamenti e le pratiche delle donne in gravidanza. I risultati dello studio, coordinato dal prof. Michele Grandolfo, verranno presentati appunto nel corso di questa importante assise.

Saranno esposti i dati dell’indagine campionaria, condotta dai due Collegi delle Ostetriche riguardanti conoscenze, atteggiamenti e pratiche delle donne rispetto ai servizi utilizzati in gravidanza a cui farà seguito una tavola rotonda dal titolo “Proteggere la nascita per favorire una buona salute e la capacità di amare”.

A sostegno dell’iniziativa associazioni di donne e mamme, non solo calabresi, perché il potere della rete questa volta ha varcato i confini della Calabria tanto è vero che il Camper Rosa dei castelli Romani scenderà a Catanzaro per consegnare ai politici i risultati della la campagna “Basta-Tacere” che ha l’obiettivo di proteggere il percorso-nascita come diritto dei bambini e dovere degli adulti.

IL CONSULTORIO DI TREBISACCE

Si tratta dunque di una vetrina molto prestigiosa che metterà in evidenza uno spaccato di “buona sanità” rappresentato dal Consultorio Familiare di Trebisacce diretto dal dottor Nicola D’Angelo. In realtà il Consultorio Familiare di Trebisacce rappresenta uno dei pochi segmenti buoni della sanità pubblica nell’Alto Jonio.

Lo dicono le tantissime donne che si interfacciano con il Consultorio di Trebisacce nei vari momenti della loro vita di donne e di madri, in particolare nel delicato periodo della gestazione e del puerperio, ma anche prima e dopo, per ricevere assistenza e per fare prevenzione rispetto alle patologie più comuni che affliggono… l’altra metà del cielo.

Per non parlare del supporto morale, sociale e psicologico che il Consultorio offre alle famiglie, soprattutto a quelle più giovani, per crescere i figli in un clima sereno e per superare le inevitabili incomprensioni e le tensioni naturali all’interno del rapporto di coppia.

Vi prestano servizio, oltre al direttore dottor Nicola D’Angelo che è Responsabile di tutti i Consultori familiari dell’Asp di Cosenza, un gruppo di medici, di ostetriche, di assistenti sociali e di infermieri che riescono a fare rete ed lavorare in sintonia per assicurare un’offerta sanitaria di assoluta affidabilità.

Tra loro Anna Domenica Mignuoli e Anna Vitelli, due Ostetriche molto apprezzate non solo in ambito locale, la prima è presidente del Collegio delle Ostetriche della provincia di Cosenz a e la seconda è l’ostetrica che vanta il primato nazionale dei pap-test le quali, oltre a svolgere con competenza e passione la propria professione nel Consultorio di Trebisacce vengono impegnate spesso come formatrici nel delicato ruolo delle ostetriche.

Fonte: La Provincia

Commenta

commenti