Home / Breaking News / Consiglio Corigliano fusione: On. Graziano dispiaciuto per diniego a partecipare

Consiglio Corigliano fusione: On. Graziano dispiaciuto per diniego a partecipare

di SERAFINO CARUSO

giuseppe graziano

Il Consigliere regionale della Calabria, Giuseppe Graziano

Fusione Corigliano-Rossano, la risposta del consigliere regionale Giuseppe Graziano non si è fatta attendere. Direttamente sul suo profilo fb, il Segretario questore del consiglio regionale della Calabria esprime il suo rammarico per il diniego del presidente del consiglio comunale di Corigliano alla richiesta di intervenire, domani, nell’ambito del consiglio comunale in programma a Corigliano. In cui si parlerà di fusione. E in cui potrebbe essere addirittura revocata la delibera consiliare con cui un anno e mezzo fa Corigliano decise di aderire alla proposta di fusione tra le due grandi città della Sibaritide.

FUSIONE, GRAZIANO: MI DISPIACE, LA POLITICA E’ DIALOGO, CONFRONTO E ARRICCHIMENTO

“Il Presidente del Consiglio di Corigliano – scrive l’On. Graziano – ha inteso declinare la mia richiesta istituzionale su carta intestata dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, e quindi non a titolo personale, di intervenire nella discussione sulla legge da me proposta per la fusione con Rossano. È un peccato non poter illustrarla ai Consiglieri Comunali. Parteciperò ai lavori del Consiglio nel pubblico senza parlare. Mi dispiace il rifiuto. La politica è dialogo, confronto ed arricchimento. Credo sia la prima volta in cui non si fa intervenire in un assise comunale un consigliere regionale che ne fa ufficialmente richiesta aprendo seppur per qualche minuto i lavori all’esterno”.

RICHIESTA GRAZIANO RESPINTA: GRAVE SGARBO ISTITUZIONALE

Non fare intervenire un consigliere regionale che ne fa esplicita richiesta in un consiglio comunale, ci sembra un grave sgarbo istituzionale. Il consigliere regionale Giuseppe Graziano, lo ricordiamo, è tra i firmatari della proposta di legge regionale per la fusione tra i due grandi Comuni di Corigliano e Rossano. Si è battuto molto, e continua a farlo, per poter fare esprimere il popolo rossanese e coriglianese sull’importante tematica. Adesso Corigliano riconvoca, in piena estate, un consiglio comunale da cui, probabilmente, potrebbe venir fuori una delibera di revoca della delibera con cui Corigliano (dopo non pochi tentennamenti) aveva aderito alla proposta di Rossano di poter fare questa fusione. Graziano chiede di intervenire per illustrare tutti i vantaggi della fusione, ma la sua richiesta viene maldestramente respinta. Da un punto di vista regolamentare ci può stare. Ma da un punto di vista politico ci sembra una forte mancanza di rispetto non solo verso l’On. Graziano, ma verso tutto il Consiglio regionale della Calabria. Che lo scorso gennaio ha approvato all’unanimità il via libera per formalizzare la data del referendum. Poi fissata dal Presidente della Regione Mario Oliverio al 22 ottobre.

Commenta

commenti