Home / Attualità / Comune unico Corigliano-Rossano, Vincenzo Scarcello: “Noi siamo pronti!”

Comune unico Corigliano-Rossano, Vincenzo Scarcello: “Noi siamo pronti!”

Il presidente del Consiglio comunale di Rossano, Vincenzo Scarcello

Il presidente del Consiglio comunale di Rossano, Vincenzo Scarcello

Fusione dei Comuni dell’Area urbana Corigliano-Rossano, registriamo con rinnovato entusiasmo che le nubi delle incertezze e delle perplessità, palesate nei giorni scorsi da alcuni esponenti dell’Assise civica di Corigliano e che di fatto avevano congelato il cammino verso questo nuovo programma, si siano del tutto dissipate. Non possono essere lette diversamente, e con ovvio piacere, le dichiarazioni inequivocabili del Sindaco Geraci che ha ridato input a questo percorso. Noi siamo pronti da tempo. Ora attendiamo che il Consiglio comunale ausonico dia la sua disponibilità alla convocazione dell’Assemblea.
È quanto fa sapere il Presidente del Consiglio comunale Vincenzo Scarcello alla luce delle ultime dichiarazioni del Primo cittadino di Corigliano, Giuseppe Geraci, riguardo alla fusione tra i Comuni delle Città di Rossano e Corigliano.
Con le ultime e positive dichiarazione del Sindaco Geraci – dichiara Scarcello – si rafforza quell’unità d’intenti che da qualche tempo lega le due comunità. Dopo la riunione politica congiunta delle due municipalità dello scorso martedì 2 settembre, dalla quale erano venute fuori non poche perplessità da parte dei rappresentanti civici della vicina Corigliano nel concretizzare un cammino municipale congiunto tra le due più grandi realtà della Sibaritide, oggi pare si stia ritornando a parlare con una voce sola. E questo non può che essere di buon auspicio. Perché un territorio che rivendica una sacrosanta e storica posizione di rilievo nella geopolitica della provincia di Cosenza non può esimersi dal considerare la possibilità di dare concretezza a questa forza. Corporeità, questa – ricorda ancora il Presidente del Consiglio comunale – che si tramuta nella realizzazione di un centro urbano che abbia le caratteristiche pragmatiche di poter tracciare una linea amministrativa che sia d’ispirazione per tutti i territori. Solo con la istituzione di un’unica municipalità potremo rivendicare finalmente la nostra emancipazione. Ma prima dobbiamo esserne convinti! E in questo percorso, del tutto culturale prima che civico, intrapreso da decenni e che ha dovuto imbattersi in uno strato di diffidenza e pregiudizio sociale rilevante, pare che almeno le forze politiche rossanesi abbiano trovato una unità d’intenti. Certo, la scelta definitiva spetterà alla popolazione di Rossano e Corigliano, ma prima di allora credo che sia quantomeno opportuno – conclude Scarcello – da parte degli amministratori di entrambe le municipalità, dare il buon esempio. Da qui il mio appello affinché, nell’arco di pochi giorni, si possano convocare i due Consigli comunali per approvare il deliberato che da avvio all’iter procedimentale della fusione dei due comuni.

Commenta

commenti

1 Commento

  1. Visciglia Donatella

    mah..tanta fretta , tanto dubbio,,,,,

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*