Home / Attualità / Comune di Trebisacce: necessaria mappatura informatizzata rete idrica

Comune di Trebisacce: necessaria mappatura informatizzata rete idrica

trebisacceComune di Trebisacce. Per far fronte all’emergenza idrica durante il periodo estivo, ha evidenziato, tra l’altro la necessità oramai non più procrastinabile di attuare una ricognizione ed elaborazione di una cartografia della rete idrica unica e aggiornata. Tutti gli interventi che hanno comportato la realizzazione di nuovi tratti di rete idrica nel territorio di Trebisacce. O interventi sulla rete esistente, non sono mai stati riportati su unica cartografia e su supporto informatico. Pertanto gli interventi anche ordinari di riparazione di perdite o di nuovi allacci generano con grosse difficoltà. Sia per gli operatori che disagio per i cittadini e spese per il Comune. Intervenire in modo efficace durante l’emergenza idrica per fronteggiare il problema della carenza idrica è stato piuttosto complicato senza una mappatura delle reti esistenti che non ha consentito di poter razionalizzare la risorsa idrica disponibile.

COMUNE DI TREBISACCE, ASSESSORE CASTROVILLARI: RICERCA DI PERDITE ED ALLACCI ABUSIVI

Alla luce di quanto sopra esposto, l’Assessore alle risorse idriche Filippo Castrovillari, ritiene necessario e fondamentale avere una mappatura puntuale e costantemente aggiornata della rete idrica, anche al fine di verificare ogni eventuale allaccio abusivo. Pertanto la GM con delibera n. 43 del 08.02.2018 ha autorizzato il progetto obiettivo “Mappatura informatizzata della rete idrica, ricerca di perdite ed allacci abusivi”, con l’ausilio dei dipendenti comunali dell’Ufficio manutenzione servizio idrico e supportati da un tecnico esterno per la informatizzazione dei dati su planimetria. Nello specifico il lavoro sarà così articolato, una mappatura su supporto magnetico di tutti progetti di rete idrica realizzati e depositati presso l’archivio Lavori Pubblici. Verifiche sul territorio delle reti esistenti e delle reti idriche dismesse. Ricerca perdite e allacci abusivi. Per tale progetto si prevedono mesi tre di lavoro salvo eventuali proroghe per motivi eccezionali.

Il personale dipendente assegnato a tale progetto svolgerà i compiti assegnati al di fuori dell’orario normale di lavoro.

Commenta

commenti