Home / Breaking News / Comunali Catanzaro, la soddisfazione del senatore Gentile

Comunali Catanzaro, la soddisfazione del senatore Gentile

gentile

Il senatore Antonio Gentile

Ottimo risultato per il nuovo partito Alternativa Popolare del senatore Antonio Gentile alle amministrative di Catanzaro. “In Calabria alle comunali di Catanzaro – Gentile – Alternativa popolare, con quasi il 10 %, si conferma forza radicata sul territorio. Dimostrando, nuovamente, di essere incisiva e aggregante. Ma soprattutto determinante per mandare al ballottagio il candidato Sindaco Abramo. Il nostro 10 per cento in una città importante come Catanzaro, infatti, consentirà ad Abramo di affrontare il ballottaggio da una posizione di maggiore sicurezza e tranquillità”. Il senatore Antonio Gentile, componente della segreteria politica del partito, esprime la sua personale soddisfazione per questa performance della sua creatura politica. In pochissimo tempo, infatti, si è dimostrato quanto questo nuovo soggetto politico sia riuscito a coalizzare attorno a sé. La politica la fanno gli uomini. E questa ne è una dimostrazione.

AVANTI CON IL PROGETTO DI COSTRUIRE UN POLO MODERATO

Costruire un polo moderato che vede nel Sud e in particolar modo in Calabria e Sicilia, il suo punto di riferimento. “Un ringraziamento – prosegue il sen. Antonio Gentile – va fatto al senatore Aiello per l’impegno profuso e per essere riuscito in una fase politica particolarmente delicata. Visto l’atteggiamento assunto dal Pd nei nostri confronti, ad ottenere un risultato rilevantissimo e che fa ben sperare per il futuro. Dal punto di vista politico si rafforza il progetto di costruire un polo moderato. Che, naturalmente, vede nel Sud, ed in particolare in Regioni come la Calabria e la Sicilia dove ha dimostrato un forte radicamento, il punto di partenza e di riferimento. La casa dei moderati, quindi, deve andare avanti – conclude Gentile -. Perché i riscontri elettorali dimostrano che c’è un elettorato che vuole avare un saldo punto di riferimento e che è pronto a continuare a credere in noi”.

 

Commenti
Inline
Inline