Home / Attualità / Colora il tuo casco: progetto di educazione stradale partecipato

Colora il tuo casco: progetto di educazione stradale partecipato

“Dai precedenza alla Vita”: è denominata così la borsa di studio relativa all’educazione stradale, portata avanti dal Dipartimento Cultura, Identità, Legalità di Fratelli d’Italia-AN di Rossano in collaborazione con associazioni e enti. Al fianco del partito guidato dal leader Ernesto Rapani, infatti, l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, il Moto Club Rossano, l’autoscuola-ACI di Isidoro Attadia, la Croce Rossa Italiana, la Camera Civile degli Avvocati di Castrovillari. Si tratta di un’iniziativa-concorso che vedrà il coinvolgimento delle scuole da marzo fino a maggio. Un percorso che trae spunto dalle innumerevoli tragedie consumatesi sulla statale 106 negli ultimi anni. La borsa di studio verrà assegnata al vincitore di un concorso incentrato, appunto, sulle tematiche della sicurezza stradale. Le schede di adesione dovranno pervenire al comitato organizzatore entro il 6 marzo.

MASSIMA ATTENZIONE VERSO L’EDUCAZIONE STRADALE DEI GIOVANI

Presenti alla conferenza stampa, moderata dal giornalista Luca Latella, Ernesto Rapani e Patrizia Straface per FdI-AN; Renato Loria, del Moto Club Rossano; Isidoro Attadia, dell’autoscuola omonima affiliata ACI; Fabio Pugliese, dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Tutti gli intervenuti hanno sottolineato la valenza dell’iniziativa e l’importanza di riuscire ad arrivare ai giovani attraverso essa. Ernesto Rapani ha auspicato, inoltre, che l’iniziativa, nonostante sia stata concepita da un partito politico, sia ben accolta da tutte le scuole. “Si tratta di un concorso che riguarda tutti e il bene dei nostri figli. Lo avevamo nel nostro programma elettorale. Il fatto di non essere riusciti a vincere le elezioni di certo non significa che non portiamo avanti le nostre iniziative. Che, come in questo caso, possono essere abbracciate da tutti. Perché non hanno un colore politico”.

Commenta

commenti