Home / Attualità / Codex Purpureus Rossanensis problematiche scientifiche e prospettive di valorizzazione

Codex Purpureus Rossanensis problematiche scientifiche e prospettive di valorizzazione

Codex PurpureusIl Codex Purpureus Rossanensis restaurato e collocato nella nuova sala del Museo Diocesano di Rossano. Offre lo spunto per eseguire ricerche che attestino il valore di quanto finora studiato e stimolino un nuovo corso di indagine scientifica al fine di analizzare elementi ancora inesplorati.
La complessità del prezioso manoscritto – sunto di una magistrale combinazione di tecnica, arte e spiritualità. – Rappresenta una ricca fonte per confronti e approfondimenti a carattere interdisciplinare.

CODEX PURPUREUS ROSSANENSIS

Allo stesso tempo, il Codex si pone come faro culturale – Patrimonio dell’Umanità- UNESCO. – E occasione di sviluppo socio-economico con le sue peculiarità di forte attrattore turistico, capace di creare attorno a sé un vero e proprio “sistema-cultura” incentrato sul libro e la scrittura. Le giornate di studio sul Codex intendono coinvolgere la comunità scientifica nazionale ed internazionale. Favorendo un dialogo interculturale e l’integrazione tra gli Stati Europei che conservano manoscritti simili. Le giornate del Codex sono altresì rivolte ai cittadini. – Per recuperare e promuovere i valori della cultura umanistica – e agli studenti degli Istituti Superiori e delle Università che potranno acquisire crediti formativi.

Programma

Giovedì 25 maggio 2017

Ore 16.00
Moderatore.
Prof. Michelangelo La Luna, University of Rhode Island, Kingston USA.
Saluti:
Dott. Stefano Mascaro, Sindaco di Rossano
S.E. Mons. Giuseppe Satriano, Arcivescovo Diocesi Rossano-Cariati.
Don Pino Straface, Direttore Museo Diocesano e del Codex, Rossano
Prof. Raffaele Perrelli, Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici, Università della Calabria, Cosenza.

Ore 16.30 – Sessione unica.

IL CODEX TRA PATRIMONIO CULTURALE E BENI COMUNI
Presiede:
Prof. Raffaele Perrelli, Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici, Università della Calabria, Cosenza.

Interventi:
La società turistica e il segmento del mercato culturale.
Prof. Tullio Romita, Coordinatore Corso di Laurea Magistrale
in Valorizzazione dei Sistemi Turistico-Culturali, Università della Calabria.

Rossano e la mappatura dei suoi beni comuni.
Dott.ssa Rita Carolina Laurenzano, Coordinamento regionale Calabria
della Consulta Nazionale della Proprietà Collettiva, Università di Trento.

La pianificazione culturale come strumento di sviluppo del territorio.
Dott. Giuseppe F. Zangaro, referente “Terza Missione” Dipartimento di Studi Umanistici
Sezione di Archeologia, Università della Calabria, Cosenza.

Comunicazioni:
Dalla nuova musealizzazione alla valorizzazione del Codex.
Dott.ssa Cecilia Perri, vice direttore Museo Diocesano e del Codex, Rossano.

Modelli socio-culturali promossi dalla Banca Mondiale
Dott. Tindaro Paganini, Senior Consultant on Trade, Competitiveness and Investment Policies.
Banca Mondiale, Washington

Ore 18.30Prima Sessione
CODEX PURPUREUS ROSSANENSIS.
PROBLEMATICHE SCIENTIFICHE E PROSPETTIVE DI VALORIZZAZIONE
Presiede:
Prof. Giuseppe Roma, Università della Calabria, Cosenza.

Il santo con l’Evangeliario d’oro: Giovanni Calibita
Prof. Filippo Burgarella, Università della Calabria, Cosenza.

Apparato decorativo del Codice Purpureo di Rossano: statuto figurativo e sistema iconografico.
Prof. Fabrizio Bisconti, Università degli Studi Roma Tre

Comunicazioni:
Teofano, latrice del Codex
Prof. Gennaro Mercogliano, storico e critico letterario.

Per una nuova datazione del Codex
Dott.ssa Achiropita Morello, Università della Calabria, Cosenza.

*  *  *

Venerdì 26 maggio

Ore 9.30
Moderatore.
Prof. Michelangelo La Luna, University of Rhode Island, Kingston USA
Saluti.
S.E. Mons. Giuseppe Satriano, Arcivescovo Diocesi Rossano-Cariati
Avv. Serena Flotta, Assessore alla Cultura Comune di Rossano.
Prof. Gino Mirocle Crisci, Rettore Università della Calabria, Cosenza

Ore 10.15 – Seconda Sessione
Presiede.
Prof. Giovanni Morello, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, Roma

Interventi.
Il Codex Purpureus Rossanensis nella critica storica
Prof. Michelangelo La Luna, University of Rhode Island, Kingston USA.

Parola, immagine, simbolo. Nascita dell’estetica teologica nella patristica
Prof. Alessandro Ghisalberti, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano.

Ponzio Pilato nel Nuovo Testamento, negli Apocrifi e nel Codex Purpureus Rossanensis

 

Prof. Giorgio Otranto, Università “Aldo Moro”, Bari.

Ore 11.15 – Pausa e rappresentazione delle “Tableaux Vivants” a cura dell’Istituto scolastico di Mirto-Crosia, dirigente prof.ssa Rachele Donnici.

Intervento:
I vangeli fratelli di Rossano e Sinope: la lezione di Andre’ Grabar
Prof. Gianni Morelli, saggista e storico dell’arte, Ravenna.

Comunicazioni:
La problematica dell’arrivo a Rossano del Codex Purpureus
Prof. Francesco Filareto, storico e saggista.

Aspetto religioso e pedagogico del Codice Purpureo
Dott.ssa Antonella Mazzei, Università degli Studi Roma Tre, Roma.

Ore 13.00 – Intervallo

Ore 16.00 – Terza sessione

Presiede:
S.E. Mons. Giuseppe Satriano, Arcivescovo Diocesi Rossano-Cariati.

Il Codice Purpureo Rossanense: dalla diagnosi al restauro
Dott.ssa Marina Bicchieri, ICRCPAL
Istituto centrale restauro e conservazione patrimonio archivistico e librario, Roma.

Riflessi del mondo tardo-antico nelle immagini del Codice Purpureo Rossanese
Prof. Gerhard Wolf, Kunsthistorisches Institute, Firenze.

L’evangelista Marco e l’ultima cena nel Codex Purpureus Rossanensis
Prof. Giuseppe Roma, Università della Calabria, Cosenza.

L’immagine di Cristo nel Codex Purpureus Rossanensis
Prof. Giovanni Morello, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano.

Commenti
Inline
Inline