Home / Breaking News / Circolo Culturale Rossanese: dal 14 aprile Incontri con la Storia dell’Arte

Circolo Culturale Rossanese: dal 14 aprile Incontri con la Storia dell’Arte

Dal 14 aprile, nella storica cornice del Circolo Culturale Rossanese “Giuseppe Converso”,Piazza Steri centro storico,in collaborazione con l’Istituto Comprensivo I di Rossano, si darà inizio a 10 incontri con la Storia dell’Arte, tenuti dal prof. Isidoro Esposito. Il primo incontro verterà sull’Arte Preistorica e prime Civiltà. Dalle pitture rupestri, alle veneri paleolotiche, all’invenzione del sistema trilitico o architravato, usato da tutti ma esaltato dalla civiltà greca, nella manifestazione della costruzione dei templi come il Partenone, fino ai nostri giorni.

Un dono che i primi uomini ci hanno consegnato. Si parlerà della raffinata arte egizia con i tesori cobn i tesori della tomba di Tutankhamon e la superba arte Mesopotamica come la Porta di Ishtar, della città di Babilonia, parzialmente ricostruita a Berlino. E poi la curiosa  storia del pettine: alla scoperta dei pettini come opera d’arte. Gli incontri saranno corredati da una mostra fotografica. Un cammino attraverso l’arte di tutti i tempi.

CIRCOLO CULTURALE ROSSANESE: GLI INCONTRI

Negli incontri si incrocerà l’Arte Greca-Romana, passando per le opere artistiche greche e i vari stili architettonici. La Roma dei ponti, acquedotti, terme, i mercati. Poi si discuterà di Arte Paleocristiana e Bizantina, u’arte simbolica in cui saranno molti i collegamenti con le espressioni del nostro territorio. L’Arte Romanica e Gotica e le Cattedrali e i meravigliosi pulpiti di Nicola e Giovanni Pisano. Gli artisti del Rinascimento, del Seicento- Settecento , il barocco – rococò e la moltitudine delle figure in movimento.

Un ritorno all’ordine con il Neoclassicismo e con le scoperte di Pompei e di Ercolano. Un nuovo cambiamento con il Romanticismo, in cui gli artisti si staccano dalle dalle rigide regole neoclassiche, affermando l’importanza dei sentimenti. Con l’Impressionismo, l’arte opera una prima rvoluzione. Gli artisti amano dipingere “en plein air” e le altre correnti dell’800. Un altro distacco dal passato avviene con il Cubismo e il Futurismo e poi Dada, Astrattismo, Surrealismo, Espressionismo Astratto, Pop, Land Art, fino alla body art.

 

 

 

 

 

Commenta

commenti