Home / Attualità / Ciliegia di Roseto, il 6-7 giugno la festa

Ciliegia di Roseto, il 6-7 giugno la festa

mazzia-rosetoRiscoprire l’identità innovando attraverso il recupero delle tradizioni. Promuovere il cibo buono, pulito e giusto, declinando di volta in volta questo progetto, che è politico, sui singoli territori attraverso la riscoperta dei luoghi e delle realtà agricole che rappresentano il vero patrimonio culturale ed economico dei nostri luoghi. Perché solo così si può ancora immaginare di creare produrre ricchezza e futuro sostenibili. Sensibilizzare, partendo dai più piccoli, al rispetto dell’ambiente e del territorio, anche e soprattutto a tavola, rappresenta l’impegno di tutti ed a tutti i livelli, educativi, politici e sociali.

È quanto ha dichiarato il segretario della Condotta Slow Food Pollino-Sibaritide-Arberia/versante ionico cosentino Cesare ANSELMI portando il contributo del sodalizio alla prima fase del progetto itinerante PARCO DELLE 3 A AGRICOLTURA – AMBIENTE – ALIMENTAZIONE che partirà il prossimo mese di settembre. Il tema trattato è stato “FATTORIE DIDATTICHE: I LUOGHI DEL CIBO, IL SAPERE DEI SAPORI”.

L’iniziativa promossa da CONFAPI e Collegio Agrotecnici e Agrotecnici Laureati, si è tenuto presso la Fattoria Creativa TERESA impegnata nella coltivazione della celebre ciliegia DE.CO. rosetana.

Sono intervenuti anche l’agronomo Rocco ARCARO, Carmelo TOSCANO in rappresentanza dell’Ordine provinciale dei Periti Agrari, Domenico DURSO, Giusy CONVERTI (sorella del defunto fotografo naturalista rosetano Dino Converti) e Rosanna MAZZIA Sindaco di Roseto Capo Spulico. Hanno partecipato anche alcune classi delle scuole elementari e medie del comprensorio di Roseto e Amendolara.

Valorizzare il patrimonio agroalimentare per promuovere il territorio. Il ritorno alla terra di cui parla Carlo PETRINI rappresenta l’unica via d’uscita autoctona dalla crisi e l’unica strada per lo sviluppo durevole della nostra Regione. La domanda di turismi è cambiata: il viaggi-attore oggi cerca la qualità, non più la quantità. Cerca emozioni. E cerca food identitario e terroir.

Se ne è dichiarata convinta il Primo Cittadino MAZZIA per la quale il nostro territorio è certamente in grado di affrontare questa sfida cogliendo questa opportunità. Quella – ha aggiunto – di saper valorizzare ciò che abbiamo, il nostro patrimonio identitario. A partire da quello agroalimentare.

E nell’ambito di questi obiettivi, l’Amministrazione Comunale di ROSETO è già in moto per l’organizzazione della III EDIZIONE DELLA FESTA DELLA CILIEGIA ROSETANA DE.CO. in programma il prossimo weekend del 6-7 GIUGNO.

Commenta

commenti

2 commenti

  1. Domenico Durso

    Un grazie ai proprietari dell’azienda “Capoliscio ” ,Nicola Barletta e la moglie Mariateresa, che in questi giorni hanno aperto le porte al pubblico e hanno creato questo magnifico centro di cultura che oltre a far conoscere un prodotto unico sul nostro territorio (che si affianca ai prodotti DECO ma che si muove con autonomia e completa indipendenza rispetto a questi ultimi, avendo un’impronta agronomica e una filiera completamente diversa da quella delle ciliege DECO) hanno anche dato la possibilità a tanti giovani di formarsi e di accrescere le proprie conoscenze su un settore in forte crescita

  2. Un grazie ai proprietari dell'azienda "Capoliscio " ,Nicola Barletta e la moglie Mariateresa, che in questi giorni hanno aperto le porte al pubblico e hanno creato questo magnifico centro di cultura che oltre a far conoscere un prodotto unico sul nostro territorio (che si affianca ai prodotti DECO ma che si muove con autonomia e completa indipendenza rispetto a questi ultimi, avendo un'impronta agronomica e una filiera completamente diversa da quella delle ciliege DECO, contrariamente a quanto affermato in questo articolo) hanno anche dato la possibilità a tanti giovani di formarsi e di accrescere le proprie conoscenze su un settore in forte crescita

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*