Home / Attualità / Chiude il centro di smistamento di Rossano, disagi nella consegna della posta

Chiude il centro di smistamento di Rossano, disagi nella consegna della posta

CORIGLIANO ROSSANO Che sarà mai un codice di avviamento postale? Andatelo a chiedere ai coriglianorossanesi.  Dopo la fusione i disagi alle poste, per i cittadini, ma anche per i lavoratori, non sembrano essersi placati. In primis per via di un unico “cap”, ovvero quell’87064 di coriglianese origine, ereditato dall’accorpamento momentaneo delle funzioni amministrative comunali a Corigliano e poi – è notizia di questi giorni – per la chiusura dell’ufficio di smistamento di Rossano. I problemi di recapito della posta sono iniziati con la scomparsa del “cap” rossanese 87067. Il motivo è semplice: la toponomastica comune. Troppe vie col medesimo nome, poi accorpate nell’unico codice di avviamento postale. Ed allora può accadere – ed è accaduto tante volte – che una lettera inviata, ad esempio, in “via Nazionale X, 87064 Corigliano Rossano (Cs)” ad un qualunque omonimo cittadino che ha la “sfortuna” di risiedere nella stessa via ed allo stesso numero civico, possa essere recapitata nella parte sbagliata della città. Con tutte le immaginabili conseguenze. E nonostante la richiesta di mantenere i due “cap” inoltrata dal commissario prefettizio dopo “soli” dieci mesi dal suo insediamento a Poste Italiane, ad oggi, il problema persiste con il solo 87064 disponibile per un territorio municipale – giusto per rendere l’idea – che per estensione è il primo in Calabria e il 29° in Italia con i suoi 346,26 kmq e che contempla oltre 50 contrade.

Da qualche settimana, ancora, Poste Italiane ha accorpato il centro di smistamento postale a Corigliano. In sostanza, se prima la posta destinata a Rossano e Basso Jonio veniva smistata in loco, adesso tutti i processi si svolgono a Corigliano. E succede anche che i postini che servono Rossano e i territori a sud debbano recarsi prima a Corigliano e poi spostarsi ognuno nella zona stabilita. E con tutti i disagi logistici del caso, con annessi trasferimenti andata e ritorno, che probabilmente non apportano alcun beneficio all’azienda, come riferisce chi ha accusato grandi disagi dall’accorpamento del centro di smistamento.

«Qualche giorno addietro ho dovuto raggiungere l’ufficio postale di Corigliano – riferisce Luigi Pirillo, avvocato, ex consigliere comunale di Rossano – per un problema di notifica su un atto giudiziario e credo di non essere stato l’unico a riscontare problemi simili dopo la chiusura del centro di smistamento delle poste rossanesi. Alcuni postini mi hanno riferito delle difficoltà che incontrano a causa dei trasferimenti ed ho anche notato un aumento del ritardo nella consegna della posta. Eppure – si chiede Pirillo – la struttura c’era, i dipendenti anche: perché chiudere il servizio per crearne uno unico? Mi auguro che l’amministrazione comunale prenda in carico il problema anche per le particolarità e l’estensione del territorio e chieda a Poste Italiane di ripristinare il codice di avviamento postale 87067. D’altronde, città simili alla nostra hanno più “cap”». (fonte https://www.corrieredellacalabria.it/regione/cosenza/item/193683-chiude-il-centro-di-smistamento-di-rossano-disagi-nella-consegna-della-posta/)


Commenta

commenti