Home / Breaking News / Cgil: viadotto Italia A3 Sa/Rc, a rischio la riapertura prima dell’esodo estivo

Cgil: viadotto Italia A3 Sa/Rc, a rischio la riapertura prima dell’esodo estivo

COMUNICATO STAMPA

cgilLa Cgil e la Fillea Cgil esprimono forte preoccupazione rispetto alla riapertura del viadotto Italia da molte parti annunciata per fine Luglio. Ad oggi sembrerebbe ancora , che la Procura di Castrovillari non più tardi di sabato 4 luglio abbia ribadito il diniego alla demolizione delle campate già indebolite sulla carreggiata Sud, difatti non condividendo il progetto di demolizione Anas/Italsarc e soprattutto abbia specificato che nessuna prova di carico sulla carreggiata Nord possa essere effettuata prima della predetta demolizione degli stessi impalcati su carreggiata Sud. Appare chiaro che la situazione ancora non è definita e soprattutto è lontana da una concreta soluzione che porti alla riapertura al traffico almeno della carreggiata Nord che permetterebbe di ridurre i disagi che il percorso alternativo , sta causando all’ intera Regione. Sono a rischio migliaia di posti di lavoro fra il settore turistico, Autogrill , comparto agricolo senza considerare le possibili ripercussioni per gli stessi lavoratori del cantiere in esecuzione. Siamo fortemente preoccupati di quello che possa succedere in questi giorni di esodo estivo sul percorso alternativo e, a tal proposito, chiediamo che oltre alla massiccia presenza garantita dai servizi del Contraente Generale ITALSARC siano presenti con altrettanto dispiegamento di forze tutte le autorità competenti . Il sindacato ha chiesto ai lavoratori uno sforzo ottenendo la Pollino-Sibaritide-Tirreno Federazione Italiana Lavoratori Legno Edilizia Industrie Affini ed Estrattive Via A. Alfano, 12 –87012 Castrovillari (CS) – Tel. 0981 200684 –FAX 0981 231247 E MAIL: filleacastrovillari@gmail.com – WEBSITE: www.filleacgil.it disponibilità nel rispetto del CCNL e della normativa sulla sicurezza a lavorare su più turni……..forte è l’impegno che gli stessi lavoratori del cantiere Italsarc stanno garantendo sul percorso alternativo che va dalla manutenzione, alla vigilanza, al servizio navetta ……….ma oggi i veri assenti sono da rintracciare nel Governo centrale e regionale che continuano a sottovalutare il disastro economico e sociale che è in atto. E’ paradossale che mentre a fine luglio nello stesso cantiere ITALSARC verranno aperti alla viabilità, sfatando il mito dei cantieri lumaca della A3 Sa/Rc, più di 10 km ammodernati a quattro corsie nel pieno rispetto dei tempi contrattuali premiando la buona contrattazione ,l’ utilizzo di tecnologie moderne, una ottima organizzazione del lavoro e soprattutto una grande professionalità delle maestranze…………non si riesca di converso ad avere la stessa determinazione politica e lo stesso coraggio di trattare la questione Calabria come una vera emergenza nazionale con priorità assoluta. La nostra organizzazione sindacale si prepara ad una forte mobilitazione per il lavoro e per la Calabria.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*