Home / Attualità / Cgil su vertenza Municipia: molti i diritti dei lavoratori calpestati

Cgil su vertenza Municipia: molti i diritti dei lavoratori calpestati

“Dare merito e dire oggi che Filcams CGIL Pollino Sibaritide Tirreno e la locale Camera del Lavoro avevano ragione non ci basta!”

cgil

Andrea Ferrone,  segretario generale Filcams CGIL Pollino Sibaritide Tirreno, e Claudio Sposato, responsabile Camera del Lavoro Corigliano Rossano ritornano sulla vertenza relativa alla società Municipia Spa. E sottolineano che “quando nell’ex Comune di Corigliano Calabro la Municipia sostituiva l’ex concessionario SO.G.E.T. Spa nella gestione dell’accertamento e della riscossione dei tributi comunali, la Filcams Cgil territoriale e la Camera del Lavoro di Corigliano-Rossano da subito denunciarono che, nell’espletamento della gara e nella successiva assegnazione alla società Municipia Spa di Trento (già Engeneering Tributi),  vi erano diverse anomalie, sia in merito ai contratti sia nell’espletamento del contratto di appalto. Molti i diritti dei lavoratori calpestati con unilaterali modifiche del contratto di lavoro e senza ottemperare a quanto previsto dal bando.

Innumerevoli le iniziative e le riunioni che  la CGIL ha  promosso per provare a  risolvere il problema,  ma la società Municipia ha eretto un muro sulla vicenda ribadendo che anche gli ex amministratori sostenevano le loro proposte; l’arroganza della società ha superato ogni limite anche in fatto di legalità; in molte delle citate riunioni, inoltre, anziché relazionare sui risultati ottenuti dalla commessa assegnatale e utili all’Ente o sulla regolarizzazione del personale, si limitava a fare ulteriori pretese affermando che l’aumentato dell’orario di lavoro per i dipendenti sarebbe avvenuto solo se l’Amministrazione avesse aggiunto ulteriori e più redditizi servizi.

L’ATTO DEL COMMISSARIO CI SEMBRA TARDIVO

Nel 2018,anno di insediamento del Commissario – dott. Bagnato,  la CGIL  ha  subito  richiesto di verificare il rispetto del bando di gara con la società Municipia. Anche in quel caso, purtroppo,nonostante le molte  riunioni, nulla di concreto, solo il reiterarsi dell’atteggiamento ostinato dell’azienda. Nell’ultima riunione tenutasi in comune a Corigliano abbiamo, quindi, annunciato l’esposto alla Magistratura per una più seria e definitiva valutazione dell’accaduto. Oggi, ad un mese dalle elezioni amministrative, apprendiamo che con delibera N°73 del 29.03.2019, il commissario trasmette formalmente tutta la documentazione riguardante la gestione dei residui attivi di riscossione delle entrate tributarie dell’ex comune di Corigliano Calabro alla Procura della Repubblica di Castrovillari ed alla Corte dei Conti  per le eventuali valutazioni di merito sulla intricata vicenda.

Noi ci chiediamo allora, la SOGET spa, ex concessionaria prima di Municipia all’ex comune di Corigliano del servizio tributi, ha fornito ufficialmente in cartaceo ed in supporto elettronico per come prevede la legge, la documentazione relativa al coattivo? Sarebbe auspicabile un definitivo chiarimento sulla vicenda da parte delle aziende. Come da anni continuamente andiamo ripetendo, il presumibile danno erariale di tale scellerata gestione è quantificabile in circa 25 milioni di euro. L’atto del commissario ci sembra tardivo nei confronti dei tanti cittadini di questo territorio ed anche in virtù della brutta vicenda che si porta alle spalle. Nello schema di bilancio preventivo approvato sempre lo scorso 29.03.2019, non c’è traccia alcuna delle ripercussioni di quanto accaduto e ciò potrebbe mettere in seria difficoltà i residenti della città di Corigliano – Rossano.

LEGALITA’ E RISPETTO DEI LAVORATORI UNICO BALUARDO A GARANZIA DI UN FUTURO MIGLIORE

Dare merito e dire oggi che Filcams CGIL Pollino Sibaritide Tirreno e la locale Camera del Lavoro avevano ragione non ci basta! Per il grande senso di responsabilità chiediamo alla politica, che si organizza per le imminenti elezioni e si candida a governare questo territorio, di raccontare finalmente la verità.  Occorre, inoltre, analizzare e se occorre rivedere le esternalizzazioni dei servizi valutando con sobrietà le effettive ricadute sulla gestione economica delle amministrazioni locali.

L’auspicio della CGIL è che tutti possano andare convinti che la legalità ed il rispetto costante dei diritti, anche del lavoro e dei lavoratori, sono l’unico ed imprescindibile baluardo a garanzia di un futuro migliore.


Commenta

commenti