Home / Attualità / Cgil comprensoriale, organizzata assemblea su elezioni per rinnovo delle Rsu

Cgil comprensoriale, organizzata assemblea su elezioni per rinnovo delle Rsu

cgilIn vista delle elezioni per il rinnovo delle RSU la Cgil comprensoriale ha organizzato un’assemblea con gli impiegati comunali, iscritti e non, presso la sede comunale. All’assemblea erano presenti per il sindacato Angelo Sposato, Segretario Generale Comprensoriale Cgil Sibari-Pollino-Tirreno; Franco Spingola, Segretario comprensoriale della Fp-Cgil e Giuseppe De Lorenzo, Segretario della Camera del lavoro di Corigliano; mentre consistente è stata la partecipazione dei lavoratori. Si è trattato di un incontro alquanto partecipato ed animato, tenuto conto delle varie questioni che il personale dell’Ente si trova ad affrontare già da tempo. I rappresentanti sindacali hanno voluto ribadire la piena ed incondizionata disponibilità della Cgil nell’affrontare con decisione e fermezza le varie problematiche sul tappeto, ma nel contempo hanno chiesto ai lavoratori di produrre uno sforzo importante affinché le elezioni del 3-4 e 5 marzo prossimi possano far registrare una importante affermazione della Cgil. I lavoratori presenti, e tra questi anche i candidati del Sindacato alle elezioni per il rinnovo della rappresentanza RSU, hanno stabilito di portare avanti con sempre maggiore decisione una piattaforma programmatica al fine di poter dare risposte concrete e fattive alle giuste rivendicazioni di tutti i dipendenti comunali. Nello specifico si è stabilito di dare maggiore impulso ed incisività a questioni quali: il reperimento di risorse economiche necessarie a procedere all’aumento fino al massimo di 35 ore lavorative settimanali per il personale part-time per il potenziamento dei servizi comunali; stabilizzazione e riconoscimento di mansioni superiori al personale precario; evitare la mobilità selvaggia applicando criteri certi e trasparenti; erogazione indennità residue fondo anno 2013; avvio e definizione contrattazione decentrata di ente anno 2014, e così via. Da un lato è necessario dare risposte certe al personale dipendente, dall’altro si deve agire in direzione di un miglioramento quali-quantitativo dei servizi da rendere alla collettività. Non basta che l’Ente comunale lamenti la carenza di risorse economiche; ma occorre un impegno politico-amministrativo che dia dignità ai lavoratori e rispetto delle regole in essere, e creare anche un senso di appartenenza che dia slancio alla macchina comunale.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*