Home / Attualità / Cgil, Cisl e Uil su infrastrutture e lavoro per lo sviluppo della Provincia di Cosenza

Cgil, Cisl e Uil su infrastrutture e lavoro per lo sviluppo della Provincia di Cosenza

cgilComunicato congiunto di Cgil, Cisl e Uil per chiedere al Governo “di realizzare il cambiamento. Consentendo innanzitutto la stabilizzazione degli ex lsu-lpu calabresi con un provvedimento mirato; e contribuendo in tutti i modi a migliorare una offerta sanitaria che ormai da troppo tempo non riesce a garantire i livelli essenziali di assistenza. Chiediamo al Governo di realizzare il cambiamento favorendo l’apertura dei cantieri, perché il lavoro prima di offrirlo bisogna crearlo. In questa direzione è necessario avviare immediatamente i lavori del Terzo Megalotto della S.S.106 Roseto-Sibari, senza ulteriori ritardi e senza dare spazio al tentativo di fermare l’opera di qualche associazione senza associati. Perché di fronte alla sicurezza e alle vite umane spezzate su quell’asfalto non c’è analisi dei costi e dei benefici che tenga.

Chiediamo che il provvedimento istituto della Zona Economica Speciale, che ha il suo fulcro nel Porto di Gioia Tauro e che coinvolge gli altri porti calabresi, compreso il Porto di Corigliano-Rossano, possa trovare applicazione concreta. Per rendere operativi i benefici fiscali per l’attrazione degli investimenti che potrebbero aiutare la crescita del comparto agro-alimentare; in una area che vive particolarmente una crisi del comparto agricolo di dimensioni epocali. Così come riteniamo fondamentale rendere immediatamente utilizzabile il finanziamento del CIPE per il centro storico di Cosenza. I lavoratori ed i pensionati della nostra provincia raggiungeranno Roma con decine di autobus. E chiederemo al Governo di mettere al centro il lavoro e gli investimenti, il Sud, la Calabria e la Provincia di Cosenza.

CGIL, CISL E UIL IMPEGNATE NELL’ORGANIZZARE UNA MASSICCIA PARTECIPAZIONE ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE UNITARIA DEL 9 FEBBRAIO A ROMA

Cgil, Cisl e Uil comprensoriali e provinciali sono impegnate nell’organizzare una massiccia partecipazione alla grande manifestazione nazionale unitaria che si svolgerà a Roma sabato 9 febbraio. “Per sostenere le proposte unitarie contenute nella piattaforma sottoposta ai lavoratori; e ancora per cambiare le scelte dell’esecutivo e per aprire un confronto serio e di merito”. Dopo un percorso di mobilitazione avviato nei mesi scorsi per sostenere una piattaforma unitaria per il lavoro e la crescita, dopo diversi attivi unitari ed assemblee suoi luoghi di lavoro, dopo aver registrato l’assenza di un reale confronto con il Governo, il 9 febbraio i lavoratori ed i pensionati della Provincia di Cosenza parteciperanno in massa alla manifestazione unitaria.

Per Cgil, Cisl e Uil la legge di bilancio appena approvata non riesce a risolvere temi importanti per il futuro del paese. Non mette al centro il lavoro, non realizza interventi per un fisco più equo e giusto, blocca la rivalutazione delle pensioni. Ma soprattutto c’è poco o nulla per gli investimenti e per il Sud che è il grande assente dell’agenda del Governo. In piazza per chiedere al Governo di aprire un confronto vero, reale sui temi del sostegno alla crescita e all’occupazione, per il rispetto della dignità della persona.


Commenta

commenti