Home / Attualità / Cassano, richiesto stato di calamità naturale per tutelare i coltivatori

Cassano, richiesto stato di calamità naturale per tutelare i coltivatori

Cassano, maltempo: Papasso chiede lo stato di calamità alla Regione
cassano

Il Sindaco di Cassano Jonio, Gianni Papasso

Cassano. La Giunta Municipale, riunitasi sotto la presidenza del Sindaco Giovanni Papasso, ha provveduto a deliberare una richiesta indirizzata alla Regione Calabria sul riconoscimento dello stato di calamità naturale a seguito delle avverse condizioni climatiche degli ultimi giorni.

E’ stato riscontrato che il repentino calo delle temperature ha provocato danni diretti alle colture arboree, ortofrutticole e alle strutture.
“Si tratta è trattato– ha spiegato il Sindaco di Cassano All’Ionio Giovanni Papasso – di una delibera necessaria e urgente poiché il nostro territorio, prevalentemente ad ispirazione agricola, sta subendo notevoli danni visto le gelate degli ultimi giorni.

Disagi causati a colture arboree, ortofrutticole e alle strutture stesse che sono state piantante ma che non sono tolleranti a tali temperature.

Per tanto, la macchina comunale, sempre in azione, nella giornata di ieri, quando  mi sono recato a Germaneto di Catanzaro, nella sede dell’Unità Operativa di Protezione Civile per firmare un Protocollo di intesa.

Il protocollo  ha permesso al Comune di Cassano di ottenere un finanziamento di 100.000 euro per la messa in sicurezza dell’argine del Torrente Raganello, nel mio interloquire con il capo con i dirigenti dell’Assessorato all’Agricoltura ho posto la questione attuale del territorio cassanese interessato dalle ultime condizioni climatiche avverse.

Davanti a questi fenomeni, giunti in un territorio dal clima mite, si creano condizioni che possono essere estremamente dannose per le produzioni.

Il Sindaco Papasso fa sapere ai soggetti operanti nel mondo agricolo del Comune di non sentirsi soli perché hanno al loro fianco l’Amministrazione Cassanese che vuole tutelare le specificità produttive del territorio che vengono esportante anche fuori Regione e ha a cuore le realtà lavorative delle stesse.

Commenti
Inline
Inline