Home / Breaking News / Cassano, nessuno spreco di denaro pubblico

Cassano, nessuno spreco di denaro pubblico

cassano

Gianni Papasso

Azione amministrativa ispirata alla sobrietà. Un concetto più volte ribadito dal sindaco di Cassano Gianni Papasso in una nota stampa. Diffusa oggi, 28 gennaio, in risposta alle polemiche sollevate negli ultimi giorni. E che – si legge –  hanno il sapore della becera strumentalizzazione. E, soprattutto, hanno la volontà di spostare e distrarre l’attenzione dell’opinione pubblica da alcuni gravissimi fatti. Rispetto ai quali l’amministrazione comunale è stata integerrima e inflessibile. Nessuno spreco di denaro pubblico è stato e sarà consumato. E certi personaggi, a riguardo, farebbero bene a tacere. I fatti che li hanno riguardati e li riguardano, nella occupazione di “certi” ruoli in enti provinciali e regionali, sono e saranno testimonianza di grave disonestà intellettuale.

CASSANO, 25 DIPENDENTI DEL COMUNE IN PENSIONE

Negli ultimi quattro anni, nel comune di Cassano hanno raggiunto il pensionamento circa 25 dipendenti. Altri sono previsti nel corrente anno,  la maggior parte di questi con funzioni apicali. Il dirigente del settore affari generali, il comandante dei vigili urbani, il dirigente degli uffici demografici, il dirigente dell’ufficio elettorale, il dirigente dell’ufficio tributi-settore idrico. L’ufficio tecnico comunale completamente sguarnito rispetto al passato prossimo che vedeva la presenza di due dirigenti. Tanti altri dipendenti che svolgevano una preziosa opera in settori vitali per la vita dell’ente e per l’erogazione e l’efficienza dei servizi da erogare ai cittadini.

CASSANO, NECESSARIO RIEMPIRE I VUOTI

La scelta compiuta negli ultimi mesi dall’amministrazione comunale, quindi, è tesa alla possibilità di riempire vuoti. Che, altrimenti, provocherebbero gravissimi disservizi. In questo contesto è nato il bando con cui è stato affidato l’incarico di dirigente dell’ufficio tecnico. Nello stesso contesto è nata la scelta di utilizzare l’ingegnere Paola Grosso nello staff del Sindaco. Con il compito di occuparsi dei problemi legati al territorio e ai lavori pubblici, a supporto dello stesso ufficio tecnico. Quindi, con lo scopo di garantire efficienza, trasparenza e per dare risposte puntuali e precise ai cittadini. La segreteria del Sindaco, che è supportata, ormai da anni, dalla professionalità della Dottoresssa Caterina La Banca, chissà perché taluno lo rileva strumentalmente oggi. Quando questo è stato anche tra i firmatari delle deliberazioni assunte a riguardo.

CASSANO, OFFESE TUTTE LE DONNE

Chi sostiene che la spesa potrebbe essere utilizzata per altri servizi mente. Oppure il suo argomentare è frutto di crassa ignoranza. Dovrebbe, di fatto sapere, in quanto amministratore, che le somme allocate nel bilancio sui capitoli del personale non possono essere, assolutamente, utilizzate per altri servizi. A breve sarà approvata la nuova pianta organica. Con la speranza che venga sbloccato il turnover. E, quindi, possano essere immesse nell’apparato amministrativo e nelle forme di legge, nuove professionalità per sevizi moderni ed efficienti. Chissà se un sentimento di invidia ha guidato la mano di chi ha apostrofato con il temine di “veline” brave ed oneste professioniste. Non rendendosi conto che oltre a offendere e umiliare le dirette interessate, offende tutte le donne. Anche e soprattutto, quelle impegnate  nei lavori istituzionali.

CASSANO, SI RESPINGONO LE ILLAZIONI

A chi strumentalmente invoca short liste e bandi ci verrebbe voglia di chiedere se quando ha avuto l’esperienza personale di incarico fiduciario è stato selezionato attraverso un bando. O si è attinti direttamente alle poste e telecomunicazioni. Ci verrebbe, altresì, anche voglia di chiedere se chi fa parte di strutture a supporto di consiglieri regionali è stata chiamata dall’ufficio di collocamento o direttamente per incarico fiduciario. Tutto questo non ci interessa. Respingiamo, però, con sdegno, forza e determinazione le illazioni e le strumentalizzazioni. Andremo avanti per la nostra strada con l’obiettivo di servire i cittadini e non di servirci di loro per incrementare patrimoni o per l’inseguimento di interessi, a volte molto, ma molto particolari.

Commenta

commenti