Home / Attualità / Cassano, il comune chiede nuovo accertamento tecnico nelle Grotte di Sant’Angelo

Cassano, il comune chiede nuovo accertamento tecnico nelle Grotte di Sant’Angelo

L’obiettivo è verificare se ci siano le condizioni per la riapertura alla fruizione del bene 

cassanoIl sindaco di Cassano all’Ionio Gianni Papasso ha fatto esplicita richiesta al Dipartimento Regionale di Protezione Civile della Regione Calabria affinché si effettui un nuovo accertamento tecnico nel Centro Polifunzionale delle Grotte di Sant’Angelo. Nella comunicazione, dopo avere ricordato che nell’aprile 2015 la Protezione Civile Regionale aveva effettuato un primo accertamento tecnico nel Centro Polifunzionale delle Grotte di Sant’Angelo realizzato nel 2010 e collaudato nel maggio del 2012, constatando la presenza di un quadro fessurativo significativo sia sull’edificio che sull’area annessa, imputabile ad un movimento franoso, tale da compromettere l’agibilità dei luoghi suggerendo, il sindaco Papasso, ha sottolineato che con nota del luglio 2015, ai fini della salvaguardia della pubblica e privata incolumità, se ne consigliò l’interdizione, in attesa di approfonditi accertamenti tecnici atti a scongiurare eventuali cedimenti del terreno e danni alla struttura portante, dichiarandone la temporanea inagibilità dei luoghi.

Di conseguenza, l’amministrazione comunale diede immediata indicazione agli uffici comunali preposti di non utilizzare la struttura attraverso l’emanazione di un’apposita Ordinanza Sindacale, con la quale venne disposta l’interdizione dell’intera area. Successivamente, ha riferito il primo cittadino nella missiva alla Protezione Civile, sono stati eseguiti sondaggi e monitoraggi sull’area e sulla struttura ed è stato effettuato un intervento di drenaggio per l’allontanamento e la regimentazione delle acque dell’area a monte dell’edificio ed è stata fatta la sistemazione dell’area esterna. Pertanto, alla luce degli interventi eseguiti e tenuto conto del fatto che non si sono verificati ulteriori fenomeni di dissesto, ha chiesto un urgente sopralluogo da parte dei tecnici della Protezione Civile regionale e la successiva necessaria collaborazione ed assistenza, al fine di verificare se ci sono le condizioni per la riapertura alla fruizione del bene. Il complesso carsico delle Grotte di Sant’Angelo, ha sottolineato, infine, il sindaco Papasso, è di grande pregio geologico e speleologico, oltre che di notevole rilevanza storica e scientifica ed è obiettivo di primaria importanza per l’amministrazione comunale poterlo riaprire al più presto, ovviamente, in assoluta sicurezza, al pubblico.


Commenta

commenti