Home / Breaking News / Cariati, Greco: Trento e Sero responsabili del dissesto

Cariati, Greco: Trento e Sero responsabili del dissesto

cariati

Lo stemma del Comune di Cariati

Dissesto finanziario, il sindaco di Cariati Filomena Greco e l’amministrazione chiedono scusa ai cittadini per i disservizi. Ma puntano il dito contro il partito socialista. Che si meraviglia delle notifiche di pagamento, molte delle quali errate, consegnate ai cittadini. Ma dimenticando apparentemente che proprio l’ex assessore al bilancio, l’ex consigliere Leonardo Trento e l’ex Sindaco Filippo Sero sono tra i principali responsabili del dissesto finanziario del Comune di Cariati. “A nome di tutti i cittadini siamo noi che chiediamo ai suddetti consiglieri di opposizione, ieri Socialisti e oggi di altri partiti, nonché legati a doppio filo con la vecchia amministrazione, di sapere perché in passato non sono stati emessi i ruoli relativi alle annualità arretrate di cinque anni.

Soprattutto quelle a rischio prescrizione. Siamo noi che chiediamo loro come mai dal 2013, anno in cui se “n’è andata” la Sogefil, non è stata mai più ricostruita una banca dati del comune. Siamo noi che chiediamo loro come mai da allora non sono stati mai formati adeguatamente i dipendenti dell’ufficio finanziario.

CARIATI, GRECO: DI COSA SI E’ OCCUPATA LA POLITICA NEGLI ULTIMI 5 ANNI?

Siamo noi che chiediamo loro come mai non sono stati mai utilizzati i supporti tecnologici. Per i quali veniva comunque annualmente pagato il relativo servizio. Siamo noi che chiediamo loro come mai non è mai stato costituito un team che si occupasse unitamente alla polizia municipale degli accertamenti presso le singole utenze. Siamo noi che chiediamo loro come mai venivano poste somme esorbitanti in bilancio nelle entrate relative ai tributi (l’attuale maggioranza non ha avuto ancora il tempo di approvare un bilancio). Di cosa si è occupata la politica negli ultimi cinque anni oltre che preoccuparsi di elargire incarichi e prebende per i soliti noti, ivi compreso l’attuale consigliere di opposizione Trento? Di cosa si è occupata la politica negli ultimi cinque anni oltre che pagare (cosa diversa che liquidare) professionisti e ditte amiche “dimenticandosi” anche solo di liquidare tutti gli altri professionisti ed imprese creditori nei confronti del comune.

CARIATI, GRECO: SPORTELLO TRIBUTI SARA’ DISPONIBILE AD ANALIZZARE I CASI

I consiglieri di opposizione dovrebbero avere almeno la compiacenza di tacere, senza continuare a speculare sulle difficoltà dei Cariatesi, che oggi vivono in quel baratro economico conseguenza delle nefandezze di un decennio amministrativo di cui nessuno sente nostalgia. A partire dal 9 gennaio, lo sportello tributi, nella sua nuova veste al piano terra della sede municipale, sarà disponibile ad analizzare caso per caso le singole posizioni, per individuare tutte le forme necessarie ad una gestione corretta e trasparente degli avvisi di pagamento ed effettuare forme di rateizzazione personalizzate per agevolare i cittadini, cosa che peraltro, grazie al lavoro degli LSU ed LPU dell’ufficio finanziario, sta già avvenendo dagli ultimi giorni dello scorso anno.

Inoltre l’amministrazione sta alacremente lavorando per recuperare le nefandezze conseguenti a scelte effettuate dall’ex consiglio comunale socialista, dall’ ex Sindaco, dall’ex assessore al bilancio e dall’ex consigliere Trento, fratello dell’ attuale Consigliere d’opposizione. Noi non abbiamo amici a cui affidare l’incasso dei ruoli del Comune di Cariati, com’è avvenuto nel recente passato. Noi puntiamo sulle capacità dei dipendenti comunali e sulla loro crescita e formazione. Noi abbiamo messo al centro di un ambizioso progetto di riorganizzazione degli uffici comunali l’Ufficio delle Entrate e a tal fine ci avvarremo anche della consulenza e di protocolli d’intesa con enti e autorità di controllo.

E comunque, iniziato il nuovo anno, il passato catastrofico, nefasto e buio lo lasciamo alle nostre spalle e insieme a tutti i cittadini cariatesi guardiamo ad un futuro luminoso fatto di collaborazione, legalità e trasparenza.

Commenti
Inline
Inline