Home / Attualità / Cariati, si salvi il cinema teatro

Cariati, si salvi il cinema teatro

PERRILodevole iniziativa a Cariati, quella messa in atto da alcuni cittadini, per non far morire la “struttura culturale polivalente”, da tutti conosciuta nel territorio come “cinema teatro”.
Dopo alcune stagioni culturali importanti, caratterizzate da opere teatrali  di rilievo,  con la presenza di  noti artisti, la programmazione  è andata via via scemando, fino a scomparire del tutto. A scendere in campo, ora, alcune personalità del luogo, come la scrittrice Assunta Scorpiniti e il poeta Rocco Taliano Grasso, l’infaticabile Aldo Fortino, fautore di tante iniziative per far rivivere la città, e tanti cittadini chiamati a raccolta dal medico – cantautore Cataldo Perri, autore della programmazione delle fortunate stagioni precedenti.
L’idea è quella di fare della struttura un laboratorio permanente, a disposizione delle varie associazioni del territorio, non solo comunale, con la messa  in scena di spettacoli, ad opera delle varie compagnie del territorio e di qualche compagnia di grido.
L’iniziativa ha suscitato notevole interesse con la creazione di un coordinamento che possa, fin da subito, lavorare  alla preparazione di un cartello per la stagione invernale e investire i proventi nel miglioramento della struttura stessa, (dotandola, ad esempio, di un impianto di climatizzazione), e in altre iniziative sociali.
“Il teatro deve essere il cuore pulsante e il collante di questo paese”, ha dichiarato Cataldo Perri, promotore dell’iniziativa. “Dobbiamo sentirci tutti responsabili del destino di questa struttura – ha proseguito – che non appartiene all’amministrazione di turno, ma a tutti i cittadini e a tutto il territorio: prenderne coscienza potrebbe essere  il primo passo verso la rinascita”.
“Sono convinto – ha concluso Perri – che l’arte saprà fare il miracolo che la politica non è stata in grado di fare: riportare in vita il teatro comunale.

d. m.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*