Home / Attualità / Cariati Le Lampare, emergenza rifiuti: «Vogliamo risposte serie al perché di queste continue emergenze»

Cariati Le Lampare, emergenza rifiuti: «Vogliamo risposte serie al perché di queste continue emergenze»

La nota stampa del Movimento Le Lampare  #Cariati. «Loc. Ponte del Varco. Mentre nel parcheggio dell’Ospedale la discarica continua ad ampliarsi, nella zona Varco regna il degrado assoluto: strutture sportive abbandonate da fare invidia ad un film horror con l’isola ecologica post – punk. Ricordiamo ai nostri amministratori, sempre bravi a bacchettare “la plebe”, che ancora oggi quasi tutti i cittadini cariatesi si sforzano di differenziare i rifiuti che restano, però, puntualmente davanti le case ed a spasso, trasportate dal vento, per le strade. Impianti fermi e discariche piene? Tutto ciò nel paese che vanta percentuali astronomiche di Raccolta Differenziata.
E quindi:
1) Dove vanno a finire i rifiuti differenziati dai cittadini ?
2) Perché si paga la raccolta differenziata e cosa diventano i nostri rifiuti differenziati?
3) Perché la tariffa sui rifiuti è cosi salata visto il non servizio?
4) Perché la ditta privata per la sola Raccolta e cura del verde pubblico incassa milioni di euro all’anno?
5) Dove sono i servizi e soprattutto gli Operatori ecologici e gli Addetti al decoro pubblico quotidiano che i cittadini pagano tramite la Tari?
6) Dove sono i posti di lavoro creati dalle filiere del riciclo e del riuso? Dove sono queste filiere?
6) Quando ci sono queste “emergenze” e la raccolta non viene effettuata, la ditta privata viene pagata lo stesso o viene multata per non aver prestato il servizio?
(Esempio: ad una ditta privata che produce suppellettili per la scuola Pubblica e che non ha consegnato, come da contratto, i banchi e le sedie, cosa gli succederebbe? Quello che non succede alle ditte private dei rifiuti!!)

Cari assessori comunali, provinciali, sindaci, il tempo degli “sparamenti di posa” sui palchi di questi Comuni abbandonati e presi in giro e’ finito come e’ terminato il tempo del pennacchio e dei pavoni spennati.E mo’?»


 

Commenta

commenti