Home / Breaking News / Cariati: boom di presenze guardando avanti

Cariati: boom di presenze guardando avanti

spiaggia-cariatiSi sta avviando al termine questa estate che nelle settimane a cavallo del ferragosto ha fatto, come sempre, registrare il pienone.
Basta questo a fare cambiare idea sulla presenza turistica nel nostro centro? Certamente no, se si considera l’andamento dei mesi precedenti, che hanno fatto registrare cali molto vistosi, ad eccezione di qualche struttura.
Non è ancora tempo di bilanci, ma non bisogna dimenticare la carenza di alcuni servizi che hanno caratterizzato il comune di Cariati e che hanno suscitato lamentele, sia nella popolazione residente che in quella turistica.
Cumuli giganteschi di immondizie in punti strategici della cittadina, a ridosso del passaggio a livello ad esempio, o nei pressi della centralissima piazza dei Cinquecento, non sono stati un bel vedere sotto gli occhi sgranati di passanti e turisti e hanno sicuramente danneggiato l’immagine di una cittadina che aspira a fare turismo.
Intanto, nonostante la calura agostana, nella politica locale c’è un gran da fare; incominciano a sorgere, infatti, comitati di cittadini a sostegno dei vari candidati alle elezioni primarie di settembre, che aspirano alla carica di governatore della regione. Il tutto sotto lo sguardo indifferente di molti che hanno preferito, invece, le sagre locali.
Staremo a vedere se i candidati dovranno faticare di più a spiegare i loro programmi, che poi sono sempre gli stessi, o a convincere i cittadini a votare, che rimane il problema più arduo da superare. Chi volete, infatti, che dica no all’ammodernamento della SS106, al rilancio di una sanità cancellata sul territorio, ad un nuovo sistema di trasporto locale e regionale, alla costruzione della metropolitana leggera per la quale esistono già i fondi, ad un sistema di raccolta e utilizzazione dei rifiuti basato sulla differenziata, solo per citare le emergenze più visibili?
Ognuno dei contendenti attribuirà all’altro la mancata soluzione del problema e del conseguente ritardo, il che sarebbe poca cosa, se l’altro non si limitasse a fare lo stesso, in un gioco a rimpiattino dal quale sono stati sempre esclusi i cittadini. C’è chi giura che sarà così anche questa volta, ma c’è anche chi scommette sul contrario e promette sorprese: staremo a vedere.

d. m.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*