Home / Attualità / Cardiologia: salta ancora il trasferimento del reparto. Aleggia lo spettro del campanilismo?

Cardiologia: salta ancora il trasferimento del reparto. Aleggia lo spettro del campanilismo?

La direzione sanitaria dell’ospedale avrebbe dovuto contattare la ditta di pulizie ma non lo ha fatto. Intanto i disservizi crescono e nessuno paga

U bongior’ e ra matina para… i proverbi popolari solitamente non sbagliano mai. E questo sembrerebbe calzare proprio a pennello sulla storia infinita di Cardiologia dello spoke di Corigliano-Rossano. Che, disattendendo gli ottimismi iniziali e poi anche i documenti, non riaprirà nemmeno il prossimo 9 marzo. E questo perché la prima tappa della road map (leggi anche Cardiologia “Giannettasio”: ecco gli interventi propedeutici alla riapertura) nella quale si sarebbe o si dovrebbe articolare il trasferimento del reparto dal primo al quarto piano del “Giannettasio”, alla fine non è stata rispettata.

 

Stamattina, infatti, si sarebbero dovuti tenere gli interventi di cleaning (pulizia e igienizzazione) dei locali del quarto piano. La ditta era attesa di buon mattino ma al presidio ospedaliero non si è presentato nessuno. E questo perché, a quanto pare, l’impresa di pulizie – che per quanto risulterebbe dagli atti preliminari all’inizio dei lavori doveva essere ingaggiata dalla direzione sanitaria dell’ospedale – non è stata chiamata.

 

A questo punto viene da chiedersi perché? Perché non velocizzare i lavori per la riattivazione di un servizio così importante? Parliamo di Cardiologia, di un reparto salvavita. Cosa c’è che ostacola i processi? Cosa c’è di vero che non si vuole dire? Mentre lo spettro di un becero campanilismo tra due centri (Corigliano e Rossano) che in questo caso sarebbe fomentato da camici e colletti bianchi, aleggia sempre più.

 

Certo, l’Azienda sanitaria dovrebbe verificare e intervenire per valutare imperizie, negligenze ed eventuali responsabilità. Soprattutto in una circostanza in cui è stata da tempo individuata una soluzione ma non si assumono i provvedimenti necessari per attuarla.

 

Insomma, se è saltata la prima tappa del cronoprogramma – che tra l’altro era la più semplice (le pulizie!) – è facilissimo desumere che questo produrrà un effetto domino di ritardi che sicuramente non consentirà al reparto di essere riaperto nei tempi previsti. Fatta salva ogni giustificazione, quello che si sta perdendo di vista è il benessere dei cittadini. Non è più possibile. E la cosa più grave è che per tutto questo nessuno paga!


Commenta

commenti