Home / Breaking News / Carabinieri Forestale, combustione illecita di rifiuti. Un deferito

Carabinieri Forestale, combustione illecita di rifiuti. Un deferito

carabinieri forestaleIllecita combustione di rifiuti speciali in un’azienda in località Santa Chiara di Rende. Con quest’accusa è stato deferito il titolare dell’azienda dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Cosenza; attirati sul luogo da una fumata nera e densa. Così i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Cosenza. La combustione del materiale, oltre a diffondere nell’atmosfera un fumo denso emanava un acre e pungente odore tipico della combustione di materiale plastico. Il controllo dei Carabinieri Forestale ha accertato che si stavano bruciando rifiuti speciali quali imballaggi in plastica; pannelli in legno truciolare rivestiti in laminati plastici e assemblati mediante colle e resine sintetiche, rifiuti RAEE quali un aspirapolvere, lampade, oltre a pneumatici, tubature in plastica per cablaggi elettrici e tubature per scarichi domestici.

CARABINIERI FORESTALE, VIOLATO IL CODICE DELL’AMBIENTE

Al momento del controllo era presenta  il titolare dell’azienda; al quale, dopo i rilievi di rito e dopo aver fatto spegnere le fiamme, veniva contestato il reato di illecita combustione di rifiuti in violazione al codice dell’ambiente; oltre al sequestro del cumulo dei rifiuti.  L’attività di controllo del territorio dei Carabinieri Forestale mira a contrastare e reprime quelle condotte, tristemente diffuse, di illecito smaltimento di rifiuti mediante combustione; che sono un modo facile ed economicamente vantaggioso di smaltire gli stessi.  Tale attività rientra nelle molteplici competenze di tutela dell’ambiente portate avanti dalla Stazione Carabinieri Forestale del capoluogo di provincia dirette a prevenire e reprimere tutte quelle condotte antigiuridiche che minacciano la qualità dell’ambiente in cui viviamo.


Commenta

commenti