Home / Breaking News / Carabinieri Forestale, Acri: tagli irregolari e abusivismo. Sequestri e denunce

Carabinieri Forestale, Acri: tagli irregolari e abusivismo. Sequestri e denunce

Carabinieri forestale, Acri.  Un ettaro di bosco è stato posto sotto sequestro dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Acri a seguito di un controllo effettuato su un taglio boschivo in località “Policaretto” del medesimo comune. I militari intervenuti hanno accertato che su di una proprietà privata era stato realizzato un taglio di piante di castagno senza alcuna autorizzazione. Una ditta boschiva, approfittando dell’assenza dei proprietari residenti all’estero, ha in maniera abusiva tagliato circa 500 piante di castagno trafugando il materiale legnoso ricavato. Si è quindi proceduto al sequestro dell’area, convalidato dalla Procura della Repubblica di Cosenza, e alla denuncia per furto aggravato del rappresentante legale della ditta a cui è stata  elevato anche un verbale amministrativo di circa 6000 euro. Altra attività di controllo con relativi sequestri è stata effettuata in località Filicuzza. Qui il proprietario di una azienda agricola ha realizzato su una area vincolata e su cui insistevano delle piante di Pino Laricio  una concimaia, un impianto di trattamento reflui da allevamento e un capannone adibito a stalla. Da un controllo documentale è emerso che tali manufatti in cemento sono stati realizzati in assenza di autorizzazioni previste per la realizzazione degli stessi e pertanto subito posti sotto sequestro. L’uomo è stato denunciato per taglio non autorizzato e abusivismo edilizio. Il controllo si è esteso anche su un area adiacente all’azienda sempre dello stesso proprietario dove è stato effettuato un taglio boschivo regolarmente approvato. Dal controllo è però emerso che sono state tagliate 306 piante di Pino Laricio non incluse nel progetto. Si è quindi  proceduto ad elevare verbale amministrativo di 50mila euro alle ditte boschive che hanno eseguito i lavori. 

Commenta

commenti