Home / Attualità / Prima campanella a Cariati, la lettera del Sindaco Filomena Greco

Prima campanella a Cariati, la lettera del Sindaco Filomena Greco

Quanto vale la libertà di potersi rivedere in presenza e non da dietro lo schermo di un computer e condividere, nello stesso spazio fisico, quell’esperienza fantastica che è la scuola? Vale sicuramente molto di più dell’attenzione scrupolosa che ognuno di noi dovrà investire nei gesti di questa nuova quotidianità. Anche se costerà qualche sacrificio, ci faremo l’abitudine, insieme, con responsabilità.

È quanto ha dichiarato il Sindaco Filomena Greco augurando a nome di tutta l’Amministrazione Comunale un sereno avvio delle attività didattiche all’intera comunità scolastica di Cariati: agli studenti e alle loro famiglie, ai docenti, ai dirigenti scolastici e al personale tutto.

Il Primo Cittadino con la Giunta si è recata questa mattina (giovedì 24 settembre) all’Istituto d’Istruzione Superiore che comprende il Liceo scientifico, l’IPSAR e l’Alberghiero dalla cui comunità scolastica il Presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci ha deciso di rivolgere gli auguri di buon inizio scolastico a tutti gli istituti della provincia.

Ci auguriamo che la curiosità, la creatività, la solidarietà e l’impegno – ha aggiunto il Primo Cittadino – restino i compagni di questo viaggio che tappa dopo tappa contribuisce ad arricchire con nuove conoscenze il nostro bagaglio culturale, a costruire relazioni, ad impreziosire di piccoli e preziosi momenti quella che sarà la nostra memoria, a renderci partecipi e protagonisti della crescita della nostra comunità.

Sapevamo già – ha concluso la Greco – ma l’emergenza sanitaria ce ne ha dato ulteriore conferma, quanto è sempre stato e quanto sarà ancora difficile ed impegnativo operare nella scuola, sulla quale si scaricano compiti e responsabilità. Ringraziamo quanti con spirito di abnegazione e competenza sapranno educare le generazioni che siedono tra banchi distanziati ad affrontare situazioni come queste con sacrificio e impegno. La scuola sarà allora sì un’autentica palestra di vita.


Commenta

commenti