Home / Attualità / Calopezzati, boom di presenze per la VIII edizione del presepe vivente

Calopezzati, boom di presenze per la VIII edizione del presepe vivente

presepe-calopezzatiSi è giunti all’VIII^ Edizione del Presepe Vivente a Calopezzati, che si è svolta lo scorso, 25 Dicembre 2014.
Quest’anno, (più di ogni altro) ha riscosso grande successo, con elevate presenze dai paesi limitrofi e non solo, che grazie all’impegno dei giovani dell’Oratorio S. Antonio, del parroco Don Nicola ALESSIO e collaboratori che con premura e costanza invitano i medesimi nell’impegno delle attività parrocchiali.
Anche quest’anno l’evento religioso si è rivelato un grande successo, con novità che riguardano la recitazione dei personaggi reali e delle varie scenografie perfezionate, quasi, in ogni minimo dettaglio, partendo da Via Trieste (“scala del sindaco”), dove il percorso si è snodato nelle piccole “viuzze” del borgo antico fino ad arrivare alla grotta sita in Via XX Settembre; proseguendo con la scena dell’annunciazione dell’Angelo, poi l’ incontro con Elisabetta, l’incontro di Maria con sua mamma, il discorso di Erode con lo Scriba e il consigliere, il censimento, il forno, gli oste, il pescatore, i fabbri, i calzolai, i pastori ed i compari della cantina. Allettante, inoltre, la presenza degli animali, con sottofondi musicali caratteristici che hanno reso forte e suggestiva la bellissima iniziativa. In fine, la scena della Natività con l’arrivo in cavallo dei Re Magi che portano doni al bambinello.
Il parroco, Don Nicola ALESSIO ha ringraziato tutti quanti per aver collaborato per l’ennesima volta alla buona riuscita del Presepe Vivente, ma rivolge un messaggio ai giovani «Non lasciatevi mai prendere dallo sconforto, abbiamo, anche insieme, sperimentato più volte, come quando tutto sembrava andare storto alla fine abbiamo avuto grandi soddisfazioni.
Non lasciatevi mai rubare l’entusiasmo, la gioia da nessuno ma siate sempre convinti che questi sono doni del Signore»
In fine il parroco, porge gli auguri e comunica ai medesimi di stare pronti perchè ancora li aspetta tanto duro lavoro.

 

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*