Home / Attualità / Calabria presente al Salone del libro di Torino

Calabria presente al Salone del libro di Torino

Regione presente con uno spazio per la presentazione di testi e autori e con un bookshop

calabriaAnche quest’anno La Regione Calabria sarà presente al Salone Internazionale del Libro di Torino, giunto alla sua XXXII edizione, con un apposito spazio per la presentazione di testi e autori e con un bookshop dedicato. Prenderà il via giovedì 9 maggio e si concluderà lunedì 13. Nei cinque giorni di programmazione si alterneranno narratori, saggisti, intellettuali, operatori e istituzioni culturali che animeranno lo spazio Calabria con iniziative e momenti di dibattito su libri e progetti editoriali. Tra gli appuntamenti previsti un focus sarà dedicato a Vincenzo Padula nell’anno del bicentenario della sua nascita. Lo stand regionale si trova al Lingotto Fiera Padiglione Oval V188 W189. Di seguito si riporta la prefazione che il presidente della Regione Mario Oliverio e l’ Assessore regionale all’Istruzione, Attività Culturali, Università e Alta Formazione Maria Francesca Corigliano hanno scritto come introduzione al bookshop.

“Con grande piacere la Regione Calabria torna al Salone Internazionale del Libro di Torino. Lo farà con uno spazio riservato alla produzione editoriale più recente; nonché con un programma molto partecipato e denso di appuntamenti. Il tema generale del Salone 2019 “Il gioco del mondo” è di grande interesse. Stimola a guardare al presente con occhi creativi e senza barriere. La cultura, infatti, è innanzitutto apertura, confronto, scambio di saperi e competenze. E, d’altronde, la Calabria, protesa nel Mediterraneo, è da sempre terra di cerniera tra culture e di incontro tra genti differenti.  Per questo tra le proposte che troverete in programma figurano il tema dell’accoglienza e la tutela e la valorizzazione delle minoranze linguistiche, aspetti della nostra storia a cui teniamo particolarmente.

OPERA DEI NOSTRI SCRITTORI FONDAMENTALE PER RACCONTARE LA CALABRIA

Il bicentenario della nascita di Vincenzo Padula, scrittore e patriota del diciannovesimo secolo, ci offre la possibilità di raccontare dell’impegno intellettuale profuso da personalità di primo piano nella cultura italiana ed europea. Così come lo è stato lo scorso anno con figure quali quelle di Cassiodoro, Telesio, Campanella e Gioacchino da Fiore. Si potrà notare, nello spazio istituzionale, anche un omaggio al santo taumaturgo e patrono della Calabria, Francesco di Paola, di cui ricorrono i cinquecento anni della canonizzazione e a cui abbiamo dedicato iniziative, progetti e restauri, convegni, mostre e recentemente – appena il 2 maggio scorso – la piazza antistante la sede della Giunta Regionale.

La ricchezza della Calabria è costituita proprio dal suo patrimonio culturale materiale e immateriale, che è al centro del nostro impegno politico e amministrativo. Questo patrimonio comprende a pieno titolo anche la storia dell’umanità della Calabria, di ciò che l’ingegno e il carattere dei calabresi ha espresso nel tempo. Per questo, l’opera dei nostri scrittori è fondamentale per raccontare la Calabria; nonché per collocare la narrazione di questa terra nello scenario globale del mondo attuale, entrando in profondità con gli strumenti propri degli studiosi e dei narratori con cui è sempre acceso un dibattito proficuo e stimolante.

IMPEGNO PER LA CULTURA DELLA REGIONE E’ AMPIO

Nella terra che è stata di Alvaro, Repaci e Strati, una nuova, matura generazione di narratori si è fatta avanti. Scrive in Calabria o scrive della Calabria e ha varcato con successo i confini regionali. Il loro protagonismo deve essere incoraggiato e le occasioni di promozione della lettura e della scrittura, come è principalmente il Salone di Torino, sono molto rilevanti per la nostra regione che merita di essere raccontata e conosciuta.

L’impegno per la Cultura della Regione Calabria è ampio. Abbiamo programmato risorse e interventi come mai prima; ponendo al centro la circolazione delle idee e la creatività, la tutela del patrimonio materiale e immateriale. Abbiamo lavorato per aiutare le biblioteche e i progetti di lettura; sostenendo il mondo della scuola e promuovendo la diffusione del libro, la cinematografia, il teatro e le buone pratiche di valorizzazione della cultura, nelle aree interne e nelle città, dai piccoli borghi alle strutture universitarie d’eccellenza. Tutto questo va nella direzione di rafforzare la coesione sociale. L’obiettivo è accrescere la consapevolezza dei nostri concittadini e sprigionare le notevoli energie che le forze sane di questa terra sanno esprimere”.


Commenta

commenti