Home / Attualità / Calabria, presentate le nuove misure per Garanzia Giovani e Dote Lavoro

Calabria, presentate le nuove misure per Garanzia Giovani e Dote Lavoro

calabriaIn totale in Calabria le risorse a valere su Por 2014-2020 sono 19 milioni per le due misure Garanzia Giovani e 66,5 per Dote Lavoro. E i bandi saranno attivi dal 16 aprile. Più di 85 milioni per continuare a inseguire (e centrare) un obiettivo che sembra sfuggire nonostante la mole degli investimenti erogati negli ultimi anni: quello di avvicinare i giovani calabresi al mondo del lavoro. La conferenza stampa del governatore Mario Oliverio – assieme al dg del Dipartimento Lavoro Fortunato Varone e il dirigente del settore Mercato del Lavoro Roberto Cosentino – è servita a raccontare i nuovi sforzi della Regione.

GARANZIA GIOVANI IN CALABRIA: I TIROCINI

Il bando Garanzia Giovani prevede due misure. La prima è quella dei Tirocini. Con questo strumento la Regione intende avvicinare i giovani al lavoro e contrastare il fenomeno dei giovani “Neet”. Lo stanziamento previsto è di 13,5 milioni. I tirocini possono essere promossi da Azienda Calabria Lavoro, Servizi per l’impiego, istituti di istruzione universitaria, istituzioni scolastiche, Fondazioni di Istruzione tecnica superiore (Its), centri pubblici di formazione professionale e orientamento, soggetti accreditati alla formazione professionale e orientamento, comunità terapeutiche, enti ausiliari, cooperative sociale iscritte negli albi regionali, Parchi nazionali e regionali, servizi di orientamento al lavoro per disabili gestiti da enti pubblici delegati dalla regione, soggetti autorizzati all’intermediazione dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, l’Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro).

I destinatari sono i giovani tra i 18 e i 29 anni che hanno già assolto al diritto-dovere all’istruzione e formazione, residenti in Calabria, registrati al Programma “Garanzia Giovani”, non occupati né inseriti in un percorso di studio formazione. Ai soggetti promotori del tirocinio potrà essere corrisposta una retribuzione a costi standard a risultato, fino a un massimo di 500 euro.

GARANZIA GIOVANI: ORIENTAMENTO

La seconda misura è il bando Garanzia Giovani-Orientamento al Lavoro. Con questo strumento la Regione punta ad aumentare l’occupazione giovanile tramite Garanzia Giovani dando attuazione a queste linee di intervento: presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa, accompagnamento al lavoro. Lo stanziamento previsto è di circa 5,8 milioni. Come soggetti proponenti possono partecipare all’avviso i soggetti accreditati ai servizi per il lavoro, che finora hanno operato in via sperimentale nell’attuazione del programma regionale “Garanzia Giovani”, e soggetti accreditati ai servizi per il lavoro inseriti nell’apposito elenco regionale, e infine i Cpi-Centri per l’impiego della Regione Calabria.

I destinatari sono i giovani tra i 18 e i 29 anni, provvisti di cittadinanza italiana ed europea o di stato extracomunitario con permesso di soggiorno, che hanno già assolto al diritto-dovere all’istruzione e formazione, residenti in Calabria, registrati al Programma “Garanzia Giovani”. Anche in questo caso, gli aspiranti devono essere non occupati né inseriti in un percorso di studio formazione.

DOTE LAVORO E INCLUSIONE ATTIVA

Con questo strumento la Regione mira a sostenere l’inserimento e/o il reinserimento nel mercato del lavoro dei disoccupati, delle persone con disabilità e maggiormente vulnerabili. Lo stanziamento è di 66,5 milioni; dei quali 53,4 milioni per Dote Lavoro per interventi a favore di disoccupati e inoccupati, e 12,6 milioni per Inclusione Attiva; finalizzati a interventi a favore di persone con disabilità e maggiormente vulnerabili.

I beneficiari sono gli operatori accreditati nella rete regionali dei servizi per il lavoro e per le politiche del lavoro. I destinatari del bando, che devono essere residenti in un Comune calabrese, sono i soggetti che abbiano compiuto 30 anni e sono disoccupati o inoccupati, oppure le persone con disabilità iscritte al collocamento mirato e le persone maggiormente vulnerabili, a rischio discriminazione e prese in carico dei servizi sociali, che abbiano compiuto 18 anni.

OLIVERIO: «INVERTIAMO IL TREND»

Oliverio evidenzia come le misure presentate alla Cittadella coprano un ampio spettro di soggetti non inseriti nel mercato del lavoro. “Si tratta di due strumenti importanti, Garanzia giovani per i giovani fino a 29 anni, Dote Lavoro per gli over 30 – dice il governatore –. Sono misure importanti di accompagnamento al lavoro in favore di questi soggetti in vista di un inserimento nel mondo del lavoro. Da lunedì 16 aprile i bandi saranno attivi, da lunedì si potrà accedere alle piattaforme con colloqui con l’aiuto dei Centri per l’impiego e gli enti accreditati, che sono circa 80 e con cui sono già in corso le convenzioni”. “La Calabria – continua Oliverio – ha un primato drammatico per quanto riguarda la disoccupazione. Negli ultimi due anni il trend è cambiato, con un lieve aumento degli occupati, ma ancora non siamo ai livelli pre-crisi”.

Il presidente della giunta regionale punta a “rafforzare questo trend positivo, non solo arrestando l’emorragia dei giovani che vanno via ma colmando un gap storico. E le due iniziative presentate oggi vanno nella direzione di irrobustire questi segnali positivi”.
 All’analisi segue l’invito alle forze economiche e sociali “affinché ognuno spinga nella direzione giusta: dobbiamo utilizzare le risorse comunitarie ma dobbiamo utilizzarle bene, perché non dobbiamo rendicontare solo l’utilizzo di risorse ma anche i i risultati ottenuti con queste risorse”. Oliverio sottolinea gli errori “nella prima fase di Garanzia Giovani”.

I DATI DELLA PRIMA FASE DEL PROGRAMMA

E spiega che per evitarli “c’è una piattaforma che consente la gestione digitale di tutte le domande e dell’intera operazione. E c’è una convenzione che individua Inps come soggetto pagatore: in questo modo contiamo di superare le difficoltà burocratiche del passato e di rispondere alle esigenze dei beneficiari assicurando la massima trasparenza”. 
Il governatore ha anche citato i dati della prima fase del programma. Dicendo che “su 8563 tirocini c’è stata l’assunzione in via definitiva e a tempo indeterminato di 1388 soggetti. E questo significa che, nonostante alcuni problemi, qualcosa è stata fatta”.

NUOVA GIUNTA E PD

Inevitabile un passaggio sui temi politici degli ultimi giorni: la nuova giunta e il dibattito interno al Pd. Sul primo punto Oliverio ribadisce che manca poco: «Credo che in questa settimana sarà chiusa tutta la partita», dice riferendosi al nuovo esecutivo. Sul Pd, invece, glissa con una battuta. “Oggi voglio parlare di cose concrete e concentrare la mia iniziativa e la mia attenzione sulle risposte ai bisogni reali della Calabria, che sono enormi”. Rispondendo a una domanda sull’esito dell’ultima assemblea regionale del Pd, Oliverio ha detto: “I bisogni reali della Calabria non possono essere dissolti da altre questioni, che sono pure importanti ma vanno affrontate in altre sedi”.

Commenta

commenti