Home / Attualità / Calabria dei talenti di scena a Roseto Capo Spulico

Calabria dei talenti di scena a Roseto Capo Spulico

calabriaLa Calabria che non si piange addosso, che produce ricchezza e lavoro. Della gastronomia elevata a regina d’Italia dal New York Times. La Calabria delle eccellenze. “La Calabria con Vista”. Dal Castello di Roseto Capo Spulico, mare Bandiera Blu, area di notevoli eccellenze agroalimentari,  è arrivato forte e chiaro il messaggio ai calabresi: la bellezza salverà la nostra terra. Insieme ovviamente al turismo, all’agricoltura, alle tradizioni.
Chiamati da Franco Laratta (Ismea) e dai ragazzi pluripremiati di ViaggArt, ecco i testimonial della migliore Calabria, quella dell’arte in cucina:  Caterina Ceraudo, stella Michelin, migliore chef donna d’Italia, una bella storia calabrese . Lei giovane e già esperta, guida la cucina dell’azienda agricola del papà Roberto a Strongoli.

Antonio Biafora un ragazzo pieno di talento, punta di diamante del suo ristorante di San Giovanni in Fiore che sta ottenendo successi e grandi soddisfazioni. Ecco Emanuele Lecce, figlio d’arte, giovane, faccia pulita, con tanta passione. Ecco Anna Weronika Wyczawska, polacca da anni in Calabria, prima agrichef della nostra terra, fra le venti più brave d’Italia. Anna valorizza i prodotti agricoli e celebra la nostra cultura contadina. Poi Filippo Cogliandro, chef reggino vincitore del premio Paolo Borsellino. Filippo non ha paura: «Con la mia cucina racconto il coraggio e il dolore della mia terra». Ribellatosi ai clan di Reggio, è stato aggredito e minacciato, il papà gambizzato. Proprietario del ristorante L’A Gourmet, ha realizzato il progetto “Le cene della legalità”. Senza paura. Sempre con il sorriso pronto.

CALABRIA, A ROSETO LEZIONE APPASSIONATA SULLE QUALITA’ DELLA DIETA MEDITERRANEA

Ecco Vittorio Caminiti che ha fatto del bergamotto il simbolo della migliore Calabria. Caminiti è uno dei massimi conoscitori delle tipicità calabresi, dell’accoglienza e della gastronomia. Rappresenta la Calabria che sa vincere ogni sfida. E poi la bella storia di Lorenzo Pupo 26 anni, che lavorava da alcuni anni a Londra, ma poi lascia tutto per prendere in mano l’azienda agricola nei pressi di Camigliatello Silano. Lorenzo, con coraggio, ma ha scelto di essere felice. E ancora il professore Nino De Lorenzo, direttore della scuola di specializzazione in Scienza dell’alimentazione, Università “Tor Vergata” Roma. Una lezione appassionata sulle qualità della dieta mediterranea, considerata la più buona del mondo.

Con lui il nutrizionista Ennio Avolio, rientrato dagli Stati Uniti per dedicarsi alla diffusione del mangiare sano.
Fabio Tarantino di ViaggArt ha chiesto a tutti di fare rete, lavorando insieme per promuovere la Calabria delle meraviglie.
Presenti diversi sindaci, quello di Roseto Rosanna Mazzia, di Rocca Imperiale Giuseppe Ranù, del Consorzio del Limone Igp di Rocca, Vincenzo Marino, imprenditori e amministratori locali.

LARATTA: IL FUTURO DELLA REGIONE PASSA DAI GIOVANI

Per Franco Laratta «il futuro della Calabria passa dalle nostre migliori energie, soprattutto i giovani, che meritano più attenzione dalle istituzioni. Nell’agricoltura come nella cucina e nelle imprese innovative, il futuro è dei nostri giovani».
Dal bellissimo castello di Roseto Capo Spulico, un messaggio e una speranza: la politica della bellezza è la sola e vera politica che può salvare questa regione dal declino.
La Calabria potrebbe vivere, e bene, mettendo a frutto le sue bellezza, il suo patrimonio culturale, la sua cultura. È quello che fa da un po’ di tempo “Calabria con Vista”, l’associazione che intende portare alla luce e valorizzare al massimo questa terra.

Fonte: Corriere della Calabria

Commenta

commenti