Home / Attualità / Calabria protagonista alla XXI Borsa mediterranea del turismo archeologico

Calabria protagonista alla XXI Borsa mediterranea del turismo archeologico

calabriaLa Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum vedrà fra i protagonisti anche la Regione Calabria. Fitto il calendario che dal 15 al 18 novembre vedrà il susseguirsi di conferenze, incontri e presentazioni di importanti progetti; tutti promossi dall’Assessorato regionale alla Cultura, dal Dipartimento Turismo della Regione e dalla Direzione Generale Musei del MiBAC. La cornice scelta è la suggestiva location del Parco Archeologico e del Centro Espositivo Savoy Hotel. Il Salone, che ospita espositori provenienti da 25 Paesi, si conferma occasione di incontro tra l’offerta turistica calabrese legata ai siti archeologici e i buyer nazionali e internazionali. Al fine di promuoverla e commercializzarla.

Nello stand istituzionale saranno disponibili tutte le informazioni ed i prodotti editoriali sul patrimonio archeologico calabrese, gli studenti dei corsi di Laurea in Scienze Turistiche e Valorizzazione dei sistemi turistico-culturali dell’Università della Calabria, che, assieme agli esperti di settore, ai docenti e al pubblico partecipante alla Fiera, analizzeranno esigenze e potenzialità dell’offerta calabrese. Tra gli eventi in programma: giovedì 15 novembre alle 14:30 presso la Sala Velia, Fabrizio Mollo, archeologo dell’Università di Messina, presenterà il suo libro “Guida archeologica della Calabria Antica” edito da Rubbettino. Interverranno Gioacchino Francesco La Torre, professore ordinario del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne Università degli Studi di Messina e Maria Francesca Corigliano, Assessore all’Istruzione e alle attività culturali di Regione Calabria.

CALABRIA ANTICA PROTAGONISTA DI UNA GUIDA ARCHEOLOGICA

La Guida propone 13 itinerari che attraversano tutto il territorio regionale, muovendosi cronologicamente dalle età pre e protostoriche all’Alto Medioevo. Strumento valido, ricco di informazioni e accessibile; che inoltre cattura l’interesse di coloro che desiderano conoscere la Calabria attraverso il suo notevole e vasto patrimonio archeologico; con per di più descrizioni accurate e ricche di dettagli. Sempre giovedì, alle 15:15, in Sala Velia, incontro in memoria del Prof. Giuseppe Roma, archeologo e docente dell’Università della Calabria, recentemente scomparso. Lo ricorderanno, ripercorrendone i successi nella professione, alla presenza dei familiari, Adele Coscarella, prof.ssa di Archeologia presso l’Università della Calabria e Maria Francesca Corigliano, Assessore regionale all’Istruzione e alle attività culturali della Regione Calabria.

Venerdì 16 novembre alle 10, infine, sarà presentato il progetto strategico della Regione per la valorizzazione delle linee ferroviarie calabresi in chiave turistica. Il titolo è “Viaggi in treno e scopri la Calabria”, in collaborazione con Ferrovie dello Stato e Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Parteciperanno, tra gli altri, Salvatore Patamia, Direttore del Segretariato Calabria Mibac, Salvatore Bullotta, Responsabile Amministrativo dell’Assessorato alla Cultura e Sonia Tallarico, Dirigente Generale del Dipartimento Turismo e Beni culturali.

PRESENTATO PROGETTO STRATEGICO DELLA REGIONE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE LINEE FERROVIARIE IN CHIAVE TURISTICA

Il progetto, ideato dall’Assessorato alle Infrastrutture della Regione, guidato dall’Assessore Roberto Musmanno, si pone l’obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale e paesaggistico della costa jonica calabrese; nonché di potenziare i flussi turistici verso i “luoghi e gli istituti della cultura” lungo la linea ferroviaria Jonica; che è caratterizzata da importanti e diffusi parchi e Musei archeologici e monumenti di eccezionale valore storico-culturale. Si potrà così incentivare la mobilità sostenibile; nonché stimolare la creazione di sinergie e reti (istituzionali e sociali). Il tutto potenziando l’accessibilità e la fruizione turistica dei territori interessati. E ancora promuovendo il treno come soggetto “educante” per i giovani in viaggio alla scoperta della bellezza della Storia.

Commenta

commenti