Home / Attualità / Un calabrese alla guida dell’Istituto zooprofilattico del Mezzogiorno

Un calabrese alla guida dell’Istituto zooprofilattico del Mezzogiorno

«È motivo di grande soddisfazione la nomina del calabrese Franco Roperto alla carica di presidente del consiglio di amministrazione dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno (Izsm). Un incarico di prestigio istituzionale. Che premia il valore di una personalità calabrese capace di distinguersi, negli anni. Per il rigore dell’impegno scientifico e dell’insegnamento accademico. Dando così lustro a Conflenti, comune del quale è originario, e all’intera Calabria».

Lo ha detto il consigliere dem Antonio Scalzo. Per quale il professor Roperto, docente di patologia generale veterinaria all’università Federico II di Napoli, «fornirà certamente un rilevante contributo nell’azione di rilancio dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno. Un ente di rilievo nazionale, attivo nel campo dell’igiene e della sanità pubblica veterinaria. Uno strumento tecnico-scientifico a disposizione dello Stato e delle regioni Campania e Calabria. I cui compiti sono numerosi e importanti.

SCALZO: UN RINGRAZIAMENTO PARTICOLARE AL PRESIDENTE OLIVERIO

L’Izsm, infatti, svolge un ruolo chiave nel supporto alle amministrazioni pubbliche. Non solo per le attività di polizia veterinari, ma anche per la sicurezza e tracciabilità alimentari. E ancora per la profilassi e l’eradicazione delle malattie che colpiscono gli animali. E che possono avere ricadute pesanti sulla salute dei cittadini». Per Scalzo, «merita un particolare ringraziamento il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio. Che nel proporre il professor Roperto alla guida dell’Istituto di Portici, ha colto l’importanza della sfida che abbiamo di fronte in un settore molto delicato.

Rivolgo al neopresidente Roperto gli auguri di buon lavoro. Nella certezza che il consiglio di amministrazione dell’Izsm da lui guidato favorirà il pieno dispiegarsi delle potenzialità di un istituto che per troppi anni ha segnato il passo».

Fonte: Corriere della Calabria

Commenta

commenti