Home / Breaking News / Caffè Aiello Corigliano, preso il centrale Menicali

Caffè Aiello Corigliano, preso il centrale Menicali

276-580x404La Caffè Aiello Corigliano s’è assicurata per la prossima stagione le prestazioni del centrale Michael Menicali. Proveniente dal Cagliari, dove ha disputato le ultime due stagioni in Serie B1 mettendosi in evidenza, Menicali arriva in terra calabra per concretizzare un ulteriore passo in avanti nella sua carriera sportiva, visto che esordirà in Serie A2 proprio con il club rossonero. Alto 203 centimetri, classe 1990, cresciuto nelle categorie minori con il Chisola – originario di Torino – Menicali ha dato trovato il varco giusto per farsi apprezzare nelle stagioni dal 2009 al 2012, militando in Serie B con il Biella. Poi è seguito, come detto, il passaggio in terra sarda e, per la stagione a venire l’accordo la Caffè Aiello. «Appena s’è concretizzata l’opportunità di fare l’esperienza in Serie A2 ho accettato senza esitazioni – afferma il neo centrale rossonero – per me è l’occasione giusta per crescere, imparare e mettermi a disposizione di un gruppo che, ho visto, è anche abbastanza giovane, per cui penso proprio che mi troverò bene.  La Serie A è un sogno che si realizza, non vedo l’ora di iniziare e mettermi a disposizione del gruppo per dare il mio contributo. L’approccio con la Serie A? Non mi spaventano le nuove sfide. Anzi, sono un tipo che trova motivazioni quando deve calarsi in realtà più complesse con una categoria superiore – continua Menicali -. Ovvio che servirà una mentalità tutta nuova, visto che arrivo da un campionato e un club dove magari la pressione degli allenamenti e il ritmo campionato erano inferiori a quelli che andrò a trovare a Corigliano. Mi adeguerò senza problemi e darò il massimo, anche per dare soddisfazioni ad un pubblico come quello coriglianese sempre molto esigente. D’altra parte  – ha chiuso il centrale piemontese – a me piace sentire il calore del tifo addosso, anche quando è contrario. E’ questione di adrenalina ma, se posso scegliere, allora dico che preferisco i match “caldi” e combattuti».

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*